Inter, Gabigol saluta con una promessa:”Al Benfica per poi tornare”. Paura per Miranda

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Gabigol

Inter, Gabigol saluta. Paura per Miranda

Inter, arrivederci Gabigol. Un anno dopo il suo trionfale arrivo a Milano con presentazione in stile Ronaldo il brasiliano Gabigol lascia l’Italia. L’ex Santos va in prestito annuale al Benfica, con diritto di acquisto a favore dei portoghesi. L’attaccante brasiliano infatti ha le idee chiare: “Sono felice di avere un’altra chance e poter così dimostrare le mie qualità. L’offerta è arrivata alle 15 dell’ultimo giorno di mercato, in precedenza non c’era stata nessuna proposta ufficiale. L’obiettivo è riuscire a giocare il più possibile in modo da fare bene qui in Portogallo per poter tornare all’Inter”. Gabigol lancia messaggi d’affetto ai tifosi nerazzurri:“Vorrei ringraziare tutti i tifosi per l’amore che mi hanno dato: voglio molto bene a tutti loro. Milano mi piace tantissimo: ringrazio l’Inter per questa opportunità. Spero di ricambiare un giorno l’amore che mi è stato dato. Forza Inter. Il giovane brasiliano non ha per il momento rimpianti per la sua avventura in nerazzurro:”Non so davvero cosa non abbia funzionato garantisco che mi sono impegnato ogni giorno, poi non ho giocato, ma pazienza”. 

Parole concilianti quelle di Gabigol, che ora ha a disposizione la possibilità per rilanciarsi in uno dei club più prestigioso d’Europa. Il Benfica gioca anche la Champions League, quindi l’ex Santos avrà anche la ribalta europea per far vedere le sue qualità. Anche l’Inter spera che Gabigol sfrutti a pieno questa chance. I nerazzurri poi potrebbero riportarlo a Milano o venderlo al Benfica a 25 milioni, rientrando dell’esborso effettuato un anno fa per acquistarlo dal Santos.

Leggi anche:  Carlo Nicolini (Shakthar D.) a SuperNews: "Siamo in crescita, con l'Inter mi aspetto una bellissima partita. De Zerbi un top trainer"

Inter, Gabigol saluta. Miranda lascia il ritiro del Brasile

Inter, paura per Miranda in Brasile-Ecuador. Non è stata una partita semplice per Joao Miranda. Attimi di paura per il difensore brasiliano in Brasile-Ecuador. In seguito ad uno scontro con il compagno di squadra e portiere della Roma Alisson, il difensore dell’Inter ha dovuto lasciare il campo al 37′ del primo tempo. Un colpo alla testa che gli ha procurato vuoti di memoria. Miranda si è poi sottoposto ad una risonanza magnetica che ha escluso eventuali danni. L’ex Atletico Madrid non giocherà martedì contro la Colombia e farà presto ritorno in Italia. Spalletti spera di recuperarlo per la Spal. Per la difesa dell’Inter la coperta è molto corta. L’unica alternativa a Miranda e Skriniar resta Ranocchia. L’ex Genoa e Samp è stato bloccato, visto che i nerazzurri non sono riusciti a portare a Milano nessun altro difensore.

Leggi anche:  Carlo Nicolini (Shakthar D.) a SuperNews: "Siamo in crescita, con l'Inter mi aspetto una bellissima partita. De Zerbi un top trainer"

Vero è che l’Inter non gioca le coppe europee. Ma tre soli difensori centrali sono davvero troppo pochi. Considerando che Miranda e Skriniar sono anche nazionali c’è da restare all’erta per Spalletti. In emergenza ci sarebbe D’Ambrosio che è già stato impiegato diverse volte nel ruolo di difensore centrale. La salute dei suoi difensori centrali, questo sarò il desiderio di Spalletti se dovesse vedere una stella cadente in queste serate di fine estate.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,