Mercato Juventus: Lichtsteiner ha deciso, resta in bianconero anche senza Champions

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Il calciomercato estivo si è concluso ma in altre parti d’Europa, come la Turchia, è ancora fino ai alla prima metà di settembre. Proprio da una squadra del campionato turco, il Besiktas, è arrivata una considerevole offerta di mercato, per il terzino svizzero della Juventus, Stephan Lichtsteiner che, tuttavia, pare abbia ver declinato la proposta (particolarmente vantaggiosa in termini di ingaggio), nonostante l’esclusione dalla lista dei convocabili della fase a gironi di Champions League, al via la prossima settimana.

Lichtsteiner ha dunque deciso di restare in bianconero, almeno fino a fine stagione, che coincide con la scadenza del suo rapporto professionale con la JuventusIl 30 giugno 2018, con ogni probabilità il numero 26 juventino, lascerà Torino con la società che lo perderebbe a parametro zero. Non è la prima volta però, che il matrimonio tra l’ex terzino della Lazio e la Juventus, vacilla. L’anno scorso lo svizzero era cercato da mezza Europa e aveva un accordo di massima per un trasferimento all’Inter poi non concretizzatosi negli ultimi giorni di mercato.

Il malumore di Lichtsteiner è cominciato con l’arrivo in bianconero di Alex Sandro, che gli ha tolto certezze sul posto da titolare fisso in squadra, situazione diametralmente opposta a quella sperimentata con Antonio Conte in panchina, quando lo svizzero divenne un inamovibile in campo nonché idolo dei tifosi juventini. Tra scudetti e vittorie, Lichtsteiner ha vissuto anche un altro momento difficile nella sua esperienza in bianconero nel settembre 2015 quando svenne per un malore negli spogliatoi dello JS durante l’intervallo di Juve-Frosinone.Un piccolo svenimento che nascondeva un problema cardiaco poi risolto con un piccolo intervento chirurgico. In soli quaranta giorni. il “minatore” ritornò al suo posto, con un rientro in grande stile, e con gol in Champions conto il Monchengladbach. Sembrava tutto alle spalle e invece, poi i dissidi tecnici con Allegri, hanno fatto il resto, comunque sia, l’addio dello svizzero, dopo sei anni di trionfi, è solo ritardato di qualche mese, ma è ormai scritto.

  •   
  •  
  •  
  •