Ancelotti dice no al Milan e si candida per il dopo Allegri

Pubblicato il autore: Massimo Maglietta Segui

Ancelotti
Secondo quanto rilanciato dal giornale inglese Sun, Ancelotti sarebbe pronto a tornare su una panchina di Serie A, ma non quella del Milan. Uno degli allenatori italiani più vincenti della storia del calcio sembra stuzzicato da un ritorno alla Juventus. Sulla panchina bianconera si era seduto già dal 1999 al 2001. In due anni Ancelotti collezionò due secondi posti in campionato alle spalle di Roma e Lazio e una semifinale di Champions League. Al suo posto la dirigenza bianconera decise di richiamare Marcello Lippi.  Proprio dopo l’esonero dalla Juventus Ancelotti venne chiamato ad allenare il Milan, iniziando la sua collezione di trofei. L’allenatore emiliano rimase sulla panchina rossonera ben 8 anni dal 2001 al 2009. Negli ultimi anni ha allenato club prestigiosi come Chelsea, Paris Saint-Germain, Real Madrid e Bayern Monaco.

Subito dopo l’esonero da parte della dirigenza tedesca del Bayern Monaco, la stampa italiana, ma soprattutto i tifosi rossoneri hanno pensato ad un arrivo di Ancelotti. L’allenatore emiliano però in alcune interviste, ha voluto chiarire la vicenda, affermando di volersi prendere una pausa fino a fine stagione e non subentrare a stagione in corso. Questa però era una speranza soltanto dei tifosi rossoneri, visto che Fassone ha continuato sia prima che dopo il derby a ribadire che Montella rimarrà l’allenatore del Milan.

Leggi anche:  Juventus, la svolta deve arrivare in Supercoppa: un trofeo può ridare tranquillità a Pirlo

Per sapere se Ancelotti prenderà il posto di Massimiliano Allegri sulla panchina della Juventus, dovremo aspettare la fine della stagione. Il tecnico livornese in una recente intervista ha ribadito di voler provare ad allenare all’estero e di essere pronto anche ad allenare la nazionale italiana. Al momento frizioni tra l’allenatore e la dirigenza bianconera non ce ne sono. Il campionato comunque è ancora lungo e in caso di mancata vittoria della Champions League, potrebbe essere lo stesso Allegri a lasciare la panchina bianconera.

Alla dirigenza della Juventus piace Simone Inzaghi attualmente allenatore della Lazio. Per il più giovane dei fratelli Inzaghi sarebbe il giusto premio visto il lavoro che sta facendo con i giovani sulla panchina biancoceleste. Questi però sono discordi da rimandare ai prossimi mesi. Ora la Juventus deve  pensare alla partita con lo Sporting Lisbona in Champions League e ai prossimi impegni in campionato. Soltanto verso Marzo-Aprile, si potrà capire se Allegri sarà ancora l’allenatore della Juventus.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, dove vedere Juventus Napoli: streaming gratis e diretta TV Rai 1?

Ancelotti secondo la tifoseria bianconera potrebbe essere la scelta giusta. Bisogna vedere se Agnelli e Marotta saranno d’accordo. Il curriculum dell’allenatore emiliano non si discute, ma bisogna vedere se per il dopo Allegri si vorrà puntare su un allenatore affermato oppure su un giovane come Simone Inzaghi. Comunque i nomi per sostituire l’allenatore livornese, nel caso decidesse di lasciare la Torino bianconera, non mancano. Tra gli allenatori senza panchina ci sono anche Luis Enrique che in Italia ha allenato la Roma, l’ex allenatore del Borussia Dortmund Thomas Tuchel, Laurent Blanc ex ct del Paris Saint Germain, Paulo Sosa sostituito alla Fiorentina da Stefano Pioli, Walter Mazzarri e Francesco Guidolin. Quindi Agnelli e Marotta avrebbero l’imbarazzo della scelta.

Sicuramente Ancelotti è un nome che fa gola anche a club con molta più disponibilità economica della Juventus. Abramovic ad esempio potrebbe pensare ad un suo ritorno in caso di addio di Antonio Conte, come successo con Mourinho. Staremo a vedere. Il mercato allenatori comincia già ad infiammarsi.

  •   
  •  
  •  
  •