Mercato Inter: Kondogbia riscattato dal Valencia, plusvalenza per i nerazzurri e bonus sulla rivendita

Pubblicato il autore: MATTIA D'OTTAVIO Segui


Mercato Inter
, dalla Spagna arrivano ottime notizie per i nerazzurri: il Valencia si è deciso a riscattare Kondogbia. Di conseguenza nelle casse nerazzurre arriveranno i 25 milioni pattuiti nell’accordo di agosto. Non solo, gli spagnoli, come riportato da «Cadena Ser», sono intenzionati a porre una clausola rescissoria sul cartellino del francese di 80 milioni e all’Inter spetterebbe il 30% su un’eventuale futura rivendita. Le buone notizie per Spalletti e soci non finiscono qui. Guardando sempre al bilancio, infatti, l’Inter risparmierebbe 7 milioni di euro complessivi dell’ingaggio dell’ex Monaco, più una plusvalenza da altri 7 milioni, frutto della differenza dei 25 milioni che arriveranno dal riscatto con i 18 milioni che sono rimasti a bilancio in questa stagione. 

KONDOGBIA, L’ARRIVO ALL’INTER: Arrivato in pompa magna nell’estate 2015 dal Monaco all’Inter di Mancini, alla cifra record di 31 milioni più bonus, Kondogbia doveva essere il perno della squadra del tecnico di Jesi, felice di aver trovato un interditore dal gran fisico e di averlo strappato ai rossoneri (estenuante fu la trattativa tra Monaco, Inter e Milan). Con il passare del tempo si è trasformato in un oggetto misterioso, prestazioni quasi mai all’altezza e un carattere non troppo deciso a rispondere alle critiche e i fischi di San Siro.

Leggi anche:  Ascoli Calcio, 4 calciatori sull'uscio. Ecco i nomi

KONDOGBIA ALL’INTER, UN VERO FLOP. I punti più bassi della breve esperienza di Kondogbia all’Inter: nella gara casalinga con il Bologna nella passata stagione, quando dopo appena 28 minuti, De Boer sostituì il francese, che continuava ad ignorare le sue indicazioni; bordate di fischi dagli spalti e mesta uscita dal campo. Nel post-partita l’olandese ci andò giù duro: «Quando un giocatore gioca nell’Inter mi aspetto che sia professionale. Se un giocatore commette un errore, è normale, ma se lo richiamo più volte e non mi ascolta, ho il diritto di tirarlo via dal campo». Con Pioli una piccola ripresa, ma niente di trascendentale, così quest’estate con l’arrivo di Spalletti in molti speravano in un definitivo recupero dell’ex Monaco. Ancora disattese le aspettative, con il culmine dell’autogol fantozziano con il Chelsea, anche se qualora doveste chiedere al tecnico di Certaldo vi dirà che la peggiore prestazione Kondogbia l’ha offerta non presentandosi all’allenamento per forzare la cessione.

Leggi anche:  Milan, Mandzukic sfida la sorte e sceglie il 9. Spezzerà l'incantesimo?

KONDOGBIA, LA RINASCITA IN SPAGNA. Approdo al Valencia che si realizza, con il prestito con diritto di riscatto, nell’operazione parallela che ha portato a Milano Cancelo. Nella Liga, Kondogbia sembra essere tornato quello del Monaco che in Champions stupì eliminando quasi da solo l’Arsenal di Wenger. Prestazioni solide, due gol, di cui uno al Bernabeu, unica pecca il doppio giallo a Siviglia con il Betis. Il Valencia di Marcelino è secondo nella Liga a quattro punti dal Barcellona, Kondogbia in mezzo al campo è il punto di riferimento. Chi l’avrebbe mai detto? Dalle parti di Milano saranno più quelli contenti per il riscatto che quelli che si mangeranno le mani pensando a ciò che poteva essere, ma non è stato.

  •   
  •  
  •  
  •