Milan che flop, spesi 240 milioni sul mercato per un punto in meno rispetto alla scorsa stagione

Pubblicato il autore: Fabio Sala Segui


Non un grande momento per il Milan. Se l’anno passato
Montella e i suoi giocatori avevano delle attenuanti, nella stagione in corso i rossoneri non hanno alibi. Dopo aver speso 240 milioni di euro sul mercato i tifosi si aspettavano se non 7 vittorie su 7, sicuramente un inizio migliore quantomeno per mantenere il passo di Juve e Inter. Il calendario era tutto sommato abbordabile, solo che il Milan ha fallito gli scontri che non avrebbe dovuto sbagliare, quelli contro Roma e Lazio, senza dimenticare la non prestazione con  la Sampdoria a Marassi.

La scorsa stagione, dopo 7 partite, il Milan aveva totalizzato 13 punti, uno in più rispetto a questo anno. A tutto questo c’è una spiegazione: quando i giocatori (ma anche l’allenatore) hanno la mente libera da pressioni e giocano senza il dovere di vincere a tutti i costi, rendono decisamente meglio. Quest’anno invece il Diavolo ha l’obbligo di vincere le partite per raggiungere un posto in Champions League e tale imperativo sta condizionando e non poco il rendimento dei rossoneri che sembrano sfaldarsi alla prima difficoltà in campo.

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic si difende: “Non sono un razzista”

Il calendario dell’anno scorso aveva opposto il Milan a Torino-Udinese-Lazio-Sassuolo in casa, Napoli-Sampdoria-Fiorentina in trasferta. I rossoneri avevano perso solo con Napoli e Udinese, vincendo contro Torino, Lazio Sassuolo e Sampdoria e pareggiando con la Fiorentina. Delle stesse squadre incontrate quest’anno il Milan ha perso contro due con cui l’anno scorso ha ottenuto 6 punti: Lazio e Samp. Non si può dire comunque che il Milan della passata stagione  fosse più forte di quello di quest’anno. Montella deve solamente lavorare sulla testa dei giocatori e trovare il giusto assetto tattico. I calciatori per ambire almeno al quarto posto ci sono.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: