Mancini: “L’Inter aveva preso Dybala, bastava accontentare Zamparini”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui


Mancini svela un retroscena su Dybala.
C’è da che rammaricarsi in casa Inter. In un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport l’ex tecnico Roberto Mancini ha confermato che i nerazzurri erano in pole position per Paulo Dybala. E’ la primavera del 2015 e l’argentino è in partenza da Palermo, su di lui ci sono tutte le grandi di serie A. Ma l’Inter di Tohir era la favorita per prendere il fantasista argentino. “Il presidente dell’Inter mi ha chiesto Dybala. Gli ho detto di darmi subito la cifra intera, come la Juventus. Lui mi ha isposto che me la dava in due anni e io ho rifiutato perché devo sistemare il bilancio – dichiarò Zamparini -. Anche Berlusconi mi ha chiamato per chiedermi Vazquez e Dybala. Gli ho detto che gli davo Dybala”. “Anche il Napoli lo ha seguito perché piaceva a qualche altro candidato alla panchina”, rivelò il presidente rosanero. Dichiarazioni note da tempo quelle del numero uno del Palermo.

Leggi anche:  Mughini: "Inter-Juventus? Sembrava un film horror. Superiorità imbarazzante dei nerazzurri per la prima volta dopo 10 anni"

In aggiunta a ciò però arrivano le nuove rivelazioni di Roberto Mancini:Con il Palermo era tutto fatto. L’Inter offriva 25 milioni, Zamparini ne voleva 35. Per un giocatore così valeva la pena fare un sacrificio. Si vedeva lontano un chilometro che sarebbe diventato un grandissimo giocatore e può ancora migliorare tanto”. Lo stesso presidente del Palermo avrebbe preferito cedere il suo gioiello all‘Inter, perché lì avrebbe giocato certamente titolare. Alla Juventus c’erano già grandi campioni e l’inserimento sarebbe stato più complicato. Infatti i primi mesi bianconeri di Dybala non sono stati facile, ma poi Allegri lo ha messo al centro del suo progetto. Come avrebbe potuto fare l’Inter.

Mancini, quanti rimpianti per Dybala

L’acquisto di Dybala avrebbe forse cambiato il destino e la storia di Roberto Mancini all’Inter. L’ex tecnico nerazzurro, esonerato nell’agosto 2016, si sarebbe certamente giovato della presenza della Joya in nerazzurro. Dybala con Icardi avrebbe probabilmente trascinato l’Inter in Champions League, mettendo Mancini sotto tutta un’altra luce il tecnico jesino agli occhi di Suning. La stagione 2015/2016 partì benissimo per l’Inter. I nerazzurri a gennaio erano primi in classifica, poi ebbero un brusco calo e dovettero accontentarsi di un piazzamento in Europa League.

Leggi anche:  Torino Pulgar, il centrocampista della Fiorentina piace a tanti club: granata in pole

All’epoca si parlò di un furioso litigio tra Mancini e Jovetic che spaccò lo spogliatoio. Tutto smentito dai protagonisti, ma il montenegrino da lì in po giocò poco e male. Con Dybala, peraltro ancora tentato da allettanti offerte provenienti dalle big di Spagna, tutto sarebbe stato diverso. Probabilmente l’Inter non avrebbe vinto il campionato, anche se proprio l’ex Palermo fu decisivo per la vittoria dello scudetto della Juventus di Allegri. Icardi-Dybala sarebbe stata ancora oggi la coppia gol nerazzurra. Un duo giovane e argentino che avrebbe fatto spellare le mani ai tifosi nerazzurri. Oggi invece i due si trovano a lottare l’uno contro l’altro per il vertice dalla serie A. I rimpianti di Mancini sono anche i rimpianti di tutta l’Inter, ma evidentemente non era destino che Dybala vestisse il nerazzurro. Per ora lui e Icardi possono giocare insieme nella nazionale argentina, poi in futuro chissà. Nel calcio di oggi tutto è possibile, Paulo e Mauro farebbero la fortuna di qualsiasi allenatore. Qualsiasi.

  •   
  •  
  •  
  •