Napoli, Giuntoli al lavoro per migliorare una macchina quasi perfetta

Pubblicato il autore: Danilo Servadei Segui

Roberto Inglese (26), esulta dopo un gol

Manca poco più di un mese e mezzo alla riapertura del calciomercato, ma il ds del Napoli, Cristiano Giuntoli, è già all’opera insieme alla società per rinforzare la squadra partenopea. Certo, non è facile migliorare una macchina quasi perfetta come quella costruita da Maurizio Sarri e che sta facendo parlare di sé in tutto il mondo per il grande gioco espresso fino a questo punto della stagione, ma Giuntoli è sicuro di poter regalare altre importanti pedine all’allenatore toscano. Dalla difesa all’attacco, le mire della società campana sono molteplici, andiamo a vedere le strategie di mercato in vista di Gennaio, volte soprattutto a migliorare la panchina ed annullare totalmente il gap con la Juventus

Partiamo dalla difesa, colpita duramente dal’infortunio al crociato di Ghoulam. L’algerino, dopo una stagione di alti e bassi, era riuscito finalmente ad esprimere le sue qualità e nel suo momento migliore è incappato in questo brutto infortunio, privando Sarri della sua velocità e del suo dinamismo. Il sostituto naturale sarebbe Mario Rui che, contro il Chievo Verona, ha disputato una buona partita, ma potrebbe rivelarsi una scelta troppo rischiosa in match importanti. Tuttavia, il portoghese avrà modo di giocarsi le sue chances domani sera, quando il Napoli affronterà il Milan, dove dovrà tenere a freno la velocità e la qualità di Suso, uno dei giocatori più importanti della squadra rossonera. In caso di conferma, Giuntoli punterebbe con decisione su Sime Vrsaljko, in forza all’Atletico Madrid e capace di giocare sia a destra che a sinistra, altrimenti si virerà su un terzino sinistro. I nomi più caldi per la sinistra sono lo svincolato Guilherme Siqueira, l’intramontabile Patrice Evra, licenziato dal Marsiglia per aver dato un calcio ad un tifoso del Vitoria Guimaraes ( non potrebbe, però, giocare in Europa a causa della squalifica inflittagli dalla UEFA) o Grimaldo del Benfica che, però, ha un costo di circa 30 milioni, mentre Vrsaljko costerebbe solamente 20 milioni, la stessa cifra sborsata dai Rojiblancos per strappare il croato al Sassuolo.

Leggi anche:  Juventus, ecco i convocati per la Supercoppa contro il Napoli: solo Ronaldo e Morata in attacco

Anche per quanto riguarda l’attacco, gli obiettivi del Napoli sono tanti. Dopo il secondo, tremendo infortunio accorso a Milik, Sarri non può pensare di far giocare sempre Mertens, Insigne Callejon, e deve avere per forza di cose una punta capace di poter far rifiatare il belga. Il nome che sta circolando con insistenza negli ultimi giorni sono quelli di Inglese del Chievo Verona. La strada che porterebbe al giocatore dei veneti, infatti è sicuramente quella più percorribile, dato che gli azzurri hanno già un accordo con i gialloblu per il prossimo anno e potrebbero anticipare i tempi, richiamando subito il giocatore alla base. Ovviamente, però, si dovrà valutare anche la disponibilità del Chievo e del giocatore che correrebbe il rischio di fare la fine di Pavoletti, visto lo scarso minutaggio che Sarri concede ai panchinari e sprecherebbe tutto il suo talento. A consigliare il numero 45 gialloblu, ci ha pensato addirittura capitan Sergio Pellissier che, a Premium Sport ha sconsigliato al compagno di andare al Napoli proprio per lo scarso minutaggio, al di là del fatto che troverebbe una squadra più forte.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, probabili formazioni Juventus-Napoli: ecco le scelte di Pirlo e Gattuso

Un’altra pista, leggermente più in salita, porterebbe a Munir El Haddadi, attaccante del Barcellona ed in prestito al Deportivo Alavés. Secondo Tuttosport, infatti, il club campano potrebbe ritentare l’assalto al talentino blaugrana, riprendendo il discorso interrotto in estate. Al momento, però, il nome di Inglese è quello più caldo ed anche i tifosi azzurri credono sia meglio prendere il giocatore del Chievo poiché già conosce la Serie A, mentre Munir avrebbe bisogno di adattarsi, ma si sa che, con Sarri, i tempi di adattamento sono molto lunghi, chiedere a Rog per conferme.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: