Calciomercato Milan, Aubameyang vicino all’Everton

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui

Aubameyang vicino all'Everton
L’attaccante del Borussia Dortmund Pierre-Emerick Aubameyang sarebbe vicino all’Everton secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Bild. Già le dichiarazioni dell’allenatore Bosz nella giornata di martedì non lasciavano ben sperare i tifosi del Dortmund: “È un giocatore schifoso, davvero pessimo… Sto scherzando. Spero che non vada a Madrid, è un giocatore particolare e ha la giusta qualità per il Real Madrid, ma spero non lo sappia e rimanga con noi”.

Poi a rincarare la dose ci ha pensato appunto il Bild, quando ha fatto trapelare l’indiscrezione che l’Everton sarebbe sulle sue tracce. L’allenatore dei Toffees Allardyce tuttavia è stato piuttosto cauto con le parole durante la conferenza stampa, non volendosi sbilanciare troppo infatti ha dichiarato: “Il mio primo acquisto deve essere giusto, deve essere il colpo corretto per l’Everton e per il mio futuro. Se faccio sciocchezze sul mercato, vengo licenziato. E, probabilmente, comprare un attaccante che faccia molti gol è una delle cose più difficili da fare nelle trattative al giorno d’oggi”.

Dunque una cosa è certa, Aubameyang continua ad essere al centro di diverse voci di mercato. Quest’estate era stato il Milan a cercarlo con una certa insistenza, tant’è che il giocatore gabonese si era fatto scappare anche una frase che non avrebbe lasciato alcuna ombra di dubbio in merito a quale fosse la sua volontà. Infatti ad un tifoso che gli chiedeva durante una diretta social di tornare al Milan, Aubameyang rispose: “Io voglio, loro stanno dormendo, che devo fare?”. In realtà il giocatore del Dortmund in quell’occasione la fece un po’ troppo facile, infatti il Milan per acquistare il giocatore avrebbe, o meglio dovrebbe ancora qualora avesse intenzione di acquistarlo, dovuto sborsare una cifra tra i 65 e i 70 milioni di euro, non proprio una cifra esigua.

Leggi anche:  Serie A femminile: la Juventus chiama, il Milan risponde

I rapporti con il giocatore sono sempre stati ottimi, ma il vero scoglio è stato e continua ad essere la posizione della società, con la quale non c’è stato mai un accordo, in quanto mai disposta a trattare il prezzo del cartellino del giocatore. Aubameyang oltretutto vanta un trascorso al Milan; infatti il giocatore nel 2007 ha iniziato la sua carriera proprio nella primavera della società rossonera, dove è rimasto fino al 2008, quando il Milan decise di mandarlo in prestito al Digione, dove ebbe modo di esordire tra i professionisti e giocare stabilmente in prima squadra per tutta la stagione in Ligue 2.

L’anno successivo Aubameyang tornò al Milan, ma la società rossonera considerandolo ancora troppo acerbo decise di trasferirlo nuovamente in prestito in Francia, al Lille, dove giocò per una stagione in Ligue 1 e dove esordì in Europa League in occasione del match contro il Sevojno. Ma nonostante tutto, neanche il Lille decise di riscattarlo, così il giocatore si vide costretto a tornare di nuovo al Milan, che però non ritenendolo ancora pronto per la Seria A lo mandò in prestito al Monaco. Dopo una stagione chiusa con appena 2 reti in 19 presenze in Ligue 1, la squadra monegasca lo rispedì al mittente. Il Milan, visti anche gli scarsi esiti dei prestiti dove il giocatore stentò a sbocciare, decise di girarlo ancora in prestito durante la finestra di mercato di Gennaio, questa volta al Saint-Etienne. E fu in questa occasione che Aubameyang sbocciò. Non tanto i primi sei mesi, chiusi con 2 reti in 14 presenza e che furono comunque sufficienti affinché la società francese rinnovasse il prestito anche per la stagione successiva, quanto l’anno seguente, quando la società francese decise di riscattarlo dal Milan per 1 milione di euro viste le sue prestazioni strabilianti che lo portarono a chiudere quell’annata con 16 gol in 36 presenze.

Leggi anche:  Tabellone Calciomercato Serie A, acquisti e cessioni: tutti i colpi della sessione invernale 2021

L’anno seguente Aubameyang si confermò con 19 gol in 37 presenze attirando l’attenzione del Borussia Dortmund, che nella sessione estiva di mercato lo acquistò per 13 milioni più 2 di bonus dal Saint-Etienne. Con il club tedesco finora è stato capace di siglare 96 reti in 140 presenze in Bundesliga e 139 reti in 208 partite complessive (Campionato e Coppe europee). Un attaccante di razza senza dubbio, quello che sembrerebbe mancare proprio al Milan, che anni fa aveva un fenomeno in casa e se lo è fatto sfuggire troppo facilmente. Che rimpiangerà questo giocatore un giorno, più di quanto non lo stia facendo adesso?

  •   
  •  
  •  
  •