Dybala, il fratello Mariano lo offre al PSG e la Juventus si infuria

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

Dybala Juventus
Non c’è fine al momento particolarmente complicato che sta vivendo Paulo Dybala alla Juventus. Prestazioni sotto tono in campo, panchine nelle ultime uscite dei bianconeri e un allenatore, Massimiliano Allegri, che pubblicamente ammette che il suo attaccante numero 10 “si allena male”. Come se questo non bastasse, a buttare altra benzina sul fuoco, in un momento piuttosto negativo per la Joya, ci ha pensato suo fratello, nonché suo procuratore, Mariano Dybala.

A far infuriare la Juventus, nello specifico l’ad Marotta, è stato proprio il fratello maggiore del giocatore che con la massima disinvoltura, pare sia partito alla volta di Parigi con l’intento di presentarsi alla dirigenza del Paris Saint Germain ad offrire, e quasi promettere, il suo assistito al club francese. Si parla addirittura di una frase che Mariano avrebbe detto subito dopo il viaggio in Francia al fratello Paulo mettendolo davanti ad uno scenario chiarissimo: “Neymar andrà al Real Madrid e tu sei quello giusto per sostituirlo“.

Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Juventus-Spal: streaming gratis e diretta tv in chiaro Rai 1?

Marotta, e l’intero entourage societario, non hanno preso bene la notizia del viaggio di Mariano, viaggio che da segreto è diventato ben noto grazie alle foto di Parigi che la fidanzata del procuratore ha messo sui social senza nessun timore. Proprio la sfrontatezza del gesto del fratello maggiore di Dybala non è stata gradita dalla società bianconera che se in uno primo momento sembrava intenzionata ad una rinegoziazione del contratto della Joya (che ha scadenza nel 2022), ora, dopo questo affronto, non ha più nessuna intenzione di riaprire il discorso.

Non c’è pace quindi per Dybala e per la Juventus. La situazione è questa: la società non gradisce i comportamenti del parente, la Joya non ama le ingerenze nella famiglia e Allegri si ritrova a gestire una grana che avrebbe preferito non avere.

  •   
  •  
  •  
  •