Juventus, Alex Sandro al passo d’addio: duello Chelsea-Manchester United

Pubblicato il autore: Lorenzo Profili Segui

Juventus, Alex Sandro

Juventus, Alex Sandro al passo d’addio: per lui si profila un duello tutto inglese fra Chelsea Manchester United.

La notizia rimbalza nell’aria da mesi ma la situazione di Alex Sandro Lobo Silva, conosciuto semplicemente come Alex Sandro, sta tenendo banco sempre di più, confermando che non si tratta di una semplice indiscrezione di mercato. E’ risaputo del rifiuto estivo da parte della Vecchia Signora a un’offerta superiore ai 50 milioni di euro proveniente dal Chelsea, società in mano al magnate russo Abramovich. Ma l’interesse per il brasiliano non è stato solo un flirt estivo: la fiamma del desiderio arde ancora e ora la contesa si è allargata mettendo in corsa la squadra allenata da Mourinho, in cerca di un terzino sinistro di livello internazionale in grado di garantire quelle certezze che né Matteo Darmian Luke Shaw -quest’ultimo sul piede di partenza- hanno saputo dare al pluridecorato allenatore portoghese.

Alex Sandro nasce a Cantaduva, città della provincia di San Paolo, nel gennaio 1991. Dopo le giovanili passate nell’Atletico Paranaense resta 4 anni in Brasile passando anche per il Santos, squadra con la quale si consacra come uno dei terzini brasiliani più promettenti in patria. Le sue prestazioni non passano inosservate e, oltre a essere paragonato a un certo Roberto Carlos per le sue progressioni, si guadagna le attenzioni di alcuni club del vecchio continente; fra tutti la spunta il Porto, squadra da sempre molto attenta nella ricerca di talenti, specialmente sudamericani, da far maturare per poi rivenderli intascando plusvalenze importanti. Sbarcato a Oporto nel 2011 per una cifra totale di circa 10 milioni di euro, Alex Sandro va a presidiare la fascia sinistra mentre la destra è occupata dal connazionale Danilo, formando una coppia di terzini verdeoro di tutto rispetto che catalizzano le attenzioni delle big d’Europa -soprattutto per quest’ultimo-.

Le continue prestazioni convincenti e la duttilità tattica del ragazzo di San Paolo attirano nel 2015 l’interesse della Juventus che, con un’offerta da 26 milioni di euro, regala un terzino di ruolo a Massimiliano Allegri. I dubbi per l’importante cifra investita non sono pochi ma dopo alcune partite di assestamento in un campionato molto diverso da quello portoghese -dal punto di vista del livello e della tattica- come quello italiano, Alex Sandro diventa un punto fermo nello scacchiere iniziale del tecnico livornese. Le sue accelerazioni, la capacità di saltare l’uomo e la facilità con cui arriva al cross, combinate con una fase difensiva in netto miglioramento rispetto agli anni passati, fanno di lui un terzino di caratura mondiale. Risulta incisivo anche in zona gol mettendo a referto, in 91 presenze totali con la maglia bianconera, 6 reti e 16 assist.

In questa prima parte di stagione il rendimento di Alex Sandro sembra essere leggermente al di sotto delle aspettative, forse distratto dalle continue sirene di mercato. Fatto sta che nelle ultime uscite Massimiliano Allegri gli sta preferendo Asamoah, un buon giocatore sì ma non certo al livello su cui si è attestato il terzino brasiliano.
Ecco allora che Chelsea Manchester United tornano alla carica per accaparrarsi le prestazioni del ragazzo di San Paolo, forti di un’offerta economica importante e di una situazione non più idilliaca tra il tecnico e il diretto interessato.
Il giocatore preferirebbe andare alla corte di Antonio Conte ma, come riporta Tuttosport, Red Devils hanno intenzione serie e sono disposti a mettere sul piatto circa 60 milioni di euro per portare già a gennaio il brasiliano all’Old Trafford. 
Juventus, Alex Sandro al passo d’addio?

  •   
  •  
  •  
  •