Mercato Napoli: De Laurentiis indietro tutta, non era meglio tenere Zapata-Strinic?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Mercato Napoli, De Laurentiis contro sé stesso. Gli azzurri di Sarri stanno vivendo il momento più difficile della stagione. Due sconfitte e un pari nelle ultime tre partite e segnando un solo gol. Testa della classifica persa, retrocessione in Europa League e con l’incognita delle condizioni di Insigne. Sabato c’è l’ostica trasferta di campionato contro il Torino, fondamentale tornare a vincere. L’ultimo successo del Napoli risale allo scorso 26 novembre, un sofferto 1-0 sul campo dell’Udinese firmato Jorginho. Questo l’ultimo gol segnato in campionato dagli azzurri, rimasto poi a secco con Juventus e Fiorentina. Gli uomini di Sarri hanno segnato tre gol nelle ultime cinque giornata di campionato. L’assenza di Insigne potrebbe essere un alibi, ma fino ad un certo punto. E’ indubbio che tanti uomini chiave del Napoli sia in calo, vedi Mertens e Callejon. Alcuni avrebbero bisogno di riposo, ma la rosa partenopea non permette a Sarri di effettuare un sano turnover.

Leggi anche:  Gol più veloci della storia Serie A, Lozano agguanta il podio: ma comanda Leao

Degli acquisti fatti negli ultimi due anni il solo Zielinski gioca con buona continuità. Maksimovic, Rog, Giaccherini e Ounas continuano a essere degli oggetti misteriosi, mentre Mario Rui gioca solo a causa dell’infortunio di Ghoulam. Milik è stato bersagliato dalla sfortuna. Il polacco, erede designato di Higuain, ha passato più tempo nelle cliniche che in campo. Proprio per questo motivo il presidente De Laurentiis ha deciso di intervenire sul mercato di gennaio. Il tempo dirà se Inglese e, probabilmente, Masina saranno  gli innesti giusti per ridare smalto all’appannato Napoli di questo fine 2017. Ma i nuovi varranno quelli ceduti in estate?

Mercato Napoli, Zapata-Strinic rimpianti azzurri?

Mercato Napoli, cessioni sbagliate. Il diavolo ci mette sempre la coda, anche nella città di San Gennaro. Il Napoli continua ad essere una squadra che subisce pochissimi infortuni. Un merito indiscutibile per Sarri e il suo staff. Ma gli azzurri hanno dovuto assorbire i gravi infortuni di Milik e Ghoulam. Proprio in due ruoli dove sono state effettuate delle cessioni in estate. Duvan Zapata e Strinic sono stati ceduti alla Sampdoria, dove stanno giocando un’ottima stagione. I due sono andati via per giocare con più continuità per andare ai Mondiali, rispettivamente con Colombia e Croazia. Due pedine che avrebbero fatto molto comodo a Sarri in questo periodo, davvero molto comodo.

Leggi anche:  Tabellone Calciomercato Serie A, acquisti e cessioni: tutti i colpi della sessione invernale 2021

Ghoulam è quasi insostituibile, ma Strinic sarebbe stato un degno cambio. Zapata sta dimostrando di poter essere un ottimo titolare in serie A, cosa che fa da anni peraltro. Il colombiano avrebbe potuto far rifiatare Mertens ed essere una soluzione alternativa a partita in coro. Certo al Napoli nessuno poteva prevedere i lunghi stop di Milik e Ghoulam. Ora a gennaio arriveranno Inglese e Masina, o Vrsaljko se l’Atletico Madrid si convince a cederlo. Si sa quanto Sarri sia restio a inserire in fretta i nuovi acquisti. Basti vedere i casi di Regini, Grassi e Pavoletti nelle ultime stagioni. De Laurentiis sa che questo può essere un anno fondamentale per il suo Napoli. Nonostante gli ultimi risultati negativi gli azzurri sono lì, ad un punto dalla vetta. A gennaio non si può sbagliare. Come dice Don Vito Corleone ne “Il Padrino“:”Le donne possono essere imprudenti, gli uomini no”, e neanche i presidenti delle squadre di calcio.

  •   
  •  
  •  
  •