Doping: squalifica a vita per Luca Benedetti

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

luca benedetti

L’UCI (Unione Ciclistica Internazionale) ha inflitto a Luca Benedetti, ciclista dell’Amore&Vita-Selle SMP, la squalifica a vita dopo essere risultato positivo alla d Epo, o darbepoetina o Aranesp a un controllo antidoping effettuato lo scorso 6 giugno nel corso del Grand Prix Cycliste Saguenay, corsa a tappe canadese conclusa con la maglia di miglior scalatore.

Benedetti (classe 1988) è recidivo, in quanto era già stato pizzicato da dilettante. Aveva scontato un anno di squalifica (inizialmente dovevano essere due) a seguito dell’Inchiesta di Padova sul GiroBio 2010. Era tornato alle corse nel 2012 per rilanciarsi, sempre tra i dilettanti, nel 2013, sino a trovare l’ingaggio da pro quest’anno. Presentato in pompa magna dall’Amore&Vita-Selle SMP al momento dell’ingaggio a maggio, ha deluso tutti ricadendo in sotterfugi e scorciatoie poco lecite per giungere dove il fisico e il talento non lo consentono, barando.

Il team Amore & Vita (esiste ancora e ha una licenza Continental ucraina!) continua a puntare su questi “underdog” con la speranza di redimerli dai peccati e farli rigare dritto, ma per l’ennesima volta ha fallito.

Questi furbetti non hanno capito che il ciclismo di oggi non ha bisogno di loro!

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: