Giro Andalusia, fantastico Froome su Contador VIDEO

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

froome

Chris Froome ha vinto la quarta tappa del Giro Andalusia 2015 in cima al durissimo Alto de las Allanada. Favolosa tappa quella odierna che prevedeva 3 GPM di 3ª categoria (Altos de Noguerones, Puerto Lope e Puerto de Albendín) prima dell’Alto de las Allanada, classico finale del ciclismo andaluso, GPM di 1ª categoria.
A gruppo compatto per 40 km sotto la pioggia, 7 corridori hanno provato la fuga guadagnando 2’20”. Tra loro non c’è stato molto accordo, allora Simon Geschke è scattato con il solo Selvaggi alla ruota. Rapidamente i due hanno raggiunto un vantaggio massimo di 4’15” ai -33. Il cambio di ritmo all’interno del gruppo è stato imposto dalla Movistar e dalla Sky che ha preso in mano la situazione all’inizio della salita finale. Quando le pendenze sono diventate dure (oltre il 10%) si sono contati i cedimenti, lasciando i big a giocarsi la vittoria. A 2 km dal traguardo è iniziato il gioco di squadra della Sky che prima ha fatto partire Peter Kennaugh, poi Mikel Nieve e, infine, Chris Froome. Il britannico, con un’accelerazione straordinaria, ha staccato tutti tranne Contador, costretto, però, a desistere davanti al secondo attacco di Froome. Il keniano biannco si è involato verso il traguardo giungendo con 28 secondi di vantaggio su Contador e conquistando la maglia di leader della generale.
Sono assolutamente stupito di ciò che sono riuscito a fare in questo finale – Froome dopo la premiazione – Sono arrivato a questa corsa pensando “Sono qui per fare la gamba, testarla e vedere a che punto sono”. Essere riuscito a vincere la tappa ed essere leader della generale è incredibile. I miei compagni hanno corso in maniera eccezionale. Hanno reso la corsa più dura possibile sull’ultima salita, attaccando e preparando il mio attacco“.

Ordine d’arrivo – Tappa 4 Giro Andalusia
1 Chris Froome
2 Alberto Contador +28”
3 Mikel Nieve +48”
Classifica Generale Giro Andalusia 2015
1 Chris Froome
2 Alberto Contador +1”

  •   
  •  
  •  
  •