Degenkolb trionfa alla Milano Sanremo VIDEO

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

Degenkolb

John Degenkolb vince la prima Classica Monumento del 2015, la 106a edizione della Milano Sanremo.
La corsa, partita sotto una leggera pioggia, vede subito la fuoriuscita di un drappello di 11 corridori: Jan Barta (Bora-Argon 18), Sebastian Molano (Colombia), Maarten Tjallingii (LottoNL-Jumbo), Andrea Peron (Novo Nordisk), Tiziano Dall’Antonia e Marco Frapporti (Androni-Sidermec), Stefano Pirazzi (Bardiani-CSF), Adrian Kurek (CCC Sprandi), Matteo Bono (Lampre-Merida), Julien Berard (Ag2r la Mondiale) e Serge Pauwels (MTN-Qhubeka). Il gruppo li lascia andare e dopo 35 km hanno già più di 10 minuti di vantaggio. Ai -150 sul Passo del Turchino piove a dirotto, il gruppo scollina con 5’20” il ritardo. Ai -135 la pioggia diminuisce notevolmente. Vicino a Capo Mele (-55) la temperatura si alza fino a 14°C, non piove più e i corridori tolgono il superfluo preparandosi al gran finale. Sul Capo Berta (-40) le gambe iniziano a indurirsi e il nuovo gap dei battistrada scende a 1’33”. Bono e Pirazzi forzano il ritmo tra i fuggitivi, resistono solo Pauwels e Berard. Una caduta in discesa in testa al gruppo inseguitore consente a tre uomini SKY (Rowe, Thomas e Swift) di allungare e andare a prendere i fuggitivi. Sulla Cipressa, Bono allunga nuovamente rimanendo solo al comando, mentre alle sue spalle il gruppo si ricompatta. Il sole splende sulla gara e scalda gli animi. Van Avermaet e Stybar sono i più attivi ed escono dal gruppo riprendendo Bono, ma il plotone si ricompatta ai -25. Trek e BMC aumentano il ritmo in salita mettendo in difficoltà alcuni velocisti. Al termine della discesa Daniel Oss e Geraint Thomas prendono un leggero vantaggio sul gruppo arrivando ai piedi del Poggio (-10) con 17 secondi di vantaggio. Thomas lascia sul posto Oss e procede la salita in solitaria. Ai -6 inizia la bagarre in gruppo. Van Avermaet scatta e riprende Thomas in prossimità dello scollinamento. La difficile e tecnica discesa lascia tutti col fiato sospeso. Gilbert, Kwiatkowski, Ciolek e Stybar cadono in curva ai -3 uscendo di scena per la vittoria finale. Giunti sull’Aurelia, il gruppetto di testa è compatto. Paolini passa per primo sotto il triangolo dell’ultimo km e prova a tirare la volata a Kristoff che parte ai 250m, ma viene superato negli ultimi metri dal colpo di reni di John Degenkolb.
È il più bel momento nella mia carriera ciclistica. Non riesco ancora a credere a ciò che ho fatto” dichiara il vincitore a fine gara.

Leggi anche:  Campionati Italiani, vince Colbrelli. Bene Nibali. Si ritira Fabio Aru. Le dichiarazioni

Ordine d’Arrivo 106a edizione della Milano Sanremo
1. John Degenkolb (Giant – Alpecin) 6h46’16’’
2. Alexander Kristoff (Katusha) st
3. Michael Matthews (Orica GreenEDGE) st
4. Peter Sagan (Tinkoff – Saxo) st
5. Niccolò Bonifazio (Lampre – Merida) st
6. Nacer Bouhanni (Cofidis) st
7. Fabian Cancellara (Trek) st
8. Davide Cimolai (Lampre – Merida) st
9. Tony Gallopin (Lotto Soudal) st
10. Edvald Boasson Hagen (MTN – Qhubeka) st

https://www.youtube.com/watch?v=u8WbjmWHRmU

  •   
  •  
  •  
  •