La bici del record di Wiggins è irregolare ?

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

wiggins bolide hr

La bici con cui Wiggins ha segnato il nuovo record dell’ora è illegale, questo è ciò che sostiene Steve Collins, allenatore dell’ex-recordman dell’ora Alex Dowsett. Ricordiamo che Bradley Wiggins domenica ha realizzato il nuovo record dell’ora percorrendo 54.526 km contro i 52.937 km di Alex Dowsett.
Collins si riferisce all’articolo 1.3.007 del regolamento UCI che afferma che “una bici studiata appositamente per il raggiungimento di una particolare prestazione (record o altro) non deve essere autorizzata”. Secondo le regole UCI, la bici Pinarello Bolide HR deve essere commercialmente disponibile entro nove mesi dal tentativo di Bradley Wiggins (indipendentemente dal costo), ma secondo Collins questo è impossibile in quanto “per questi eventi, tutti i pezzi della bici devono essere disponibili e acquistabili su larga scala, quindi non è possibile avere un manubrio modellato sulle proprie braccia, grazie a un’impronta 3D, per rendere più facile per il proprio tentativo”. Steve Collins ricorda anche che la Pinarello Bolide HR è stata già sanzionata dall’UCI.
Intanto, Alex Dowsett, che attualmente sta correndo al Giro del Delfinato, è convinto che avrebbe potuto impostare il suo tentativo in modo diverso, alzando l’asticella della prestazione. “Ho corso una gara conservatrice, sarei potuto andare più veloce. Mi piacerebbe tornare indietro e vedere cosa sono in grado di fare, sia che si tratti del prossimo anno o tra otto anni.”
Sicuramente la storia del record dell’ora non si ferma qui anche perché Tony Martin ha commentato il record di Wiggins così: “L’asticella è molto alta, ma non è impossibile da superare. Mi piacerebbe mettermi alla prova e vedere quanto sono capace di fare, ma prima devo attenermi al mio programma ed al momento non lo include. Ora sto lavorando per prepararmi al Tour de France. Inoltre, non ho alcuna esperienza con quegli allenamenti e conoscenza della disciplina”.
Anche Fabian Cancellara ha più volte manifestato l’intenzione di provarci… la sfida è iniziata!

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fabio Aru, anche la Bardiani apre le porte al corridore