Mondiali Paraciclismo, è infinita la leggenda di Alex Zanardi

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

zanardi

È stata fantastica la spedizione azzurra che ha dominato i Mondiali Paraciclismo di Nottwil, in Svizzera. L’Italia chiude la trasferta con 15 medaglie (9 ori, 1 argento, 5 bronzi). Il protagonista assoluto è stato, anche in questa edizione, Alex Zanardi. Il bolognese è riuscito nell’impresa di bissare il tris dorato ottenuto nel 2013 (staffetta-cronometro-strada) a Baie-Comeau, risultato sfiorato nel 2014 a Greenville a causa dell’argento vinto nella gara su strada.
Mercoledì 29 luglio Luca Mazzone (MH2), Vittorio Podestà (MH3) e Alex Zanardi (MH5) conquistano l’oro del team relay vincendo da favoriti la staffetta in 31’13” precedendo gli Stati Uniti di 1’11” e la Svizzera di 1’32”.

staffetta

Luca Mazzone-Vittorio Podestà-Alex Zanardi

Venerdì 31 luglio gli azzurri continuano a dominare anche nella cronometro. Prima è Francesca Porcellato, nella categoria WH3, a regalare l’oro all’Italia e poi è il turno di Luca Mazzone e Vittorio Podestà, per terminare con Alex Zanardi che copre i 15,5 km del percorso con la media stratosferica di 32,65 kmh.
Nell’ultima giornata, domenica 2 agosto, è l’apoteosi tricolore con Porcellato, Mazzone e Podestà che si ripetono nella gara su strada e Alex Zanardi che completa l’opera cogliendo, anch’egli, il terzo oro personale vincendo in volata la dura prova (tre giri di un circuito con due salite lunghe con pendenze fino al 12%) di 46,5 km in 01:29:21.

porcellato

Francesca Porcellato

Il Presidente del CIP, Luca Pancalli, commenta commosso e soddisfatto le imprese degli azzurri: “L’ennesimo straordinario risultato di una disciplina che non smette mai di regalarci soddisfazioni a Nottwil il paraciclismo è stato in grado di scrivere una nuova emozionante pagina di sport per il movimento paralimpico italiano. Ancora una volta i nostri atleti hanno portato alto il nome dell’Italia confermandosi ai vertici mondiali e dimostrando che questo sport è in grado di emozionarci in ogni occasione in cui è protagonista. Un grazie sincero agli atleti, allo staff tecnico, alla Federazione guidata dal Presidente Di Rocco con l’augurio che i risultati ottenuti a Nottwil rappresentino il viatico migliore per affrontare nella maniera giusta l’anno che ci condurrà ai Giochi Paralimpici di Rio 2016“.

italia

la spedizione azzurra

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov