Fabio Aru: il nuovo Pantani

Pubblicato il autore: Enrico Muntoni Segui

Aru 4Con la vittoria di qualche giorno fà alla Vuelta di Spagna, Fabio Aru ha definitivamente dimostrato di essere uno dei ciclisti più forti al mondo e con ampi margini di miglioramento, considerata la sua giovane età. Il ciclista sardo di Villacidro ha iniziato a muovere i primi passi, o meglio per prime pedalate, sui terreni della sua Regione come dilettante ma conquistando comunque die risultati fuori dalla norma. Una volta diplomato al liceo classico, Aru si è trasferito a Bergamo per correre per Palazzago-Elledent-RAD, Logistica diretta dal ds Olivano Locatelli dove comincerà la sua carriera da dilettante. Anche qui i risultati importanti non tardano ad arrivare tant’è che l’Astana lo nota e gli offre un contratto da professionista il 1 agosto 2012. In questi tre anni Fabio è salito alla ribalta per i grandi risultati al Giro d’Italia del 2013 e del 2014 e, soprattutto, alla storica vittoria nella Vuelta di Spagna. Il ciclista sardo non ha ancora ottenuto risultati importanti al Tour de France, ma il tempo gioca dalla sua parte. La prossima competizione ciclistica più importante al mondo sarà nel 2016 e nel caso Aru dovesse partecipare probabilmente ci sarà da divertirsi. E chissà che Aru potrebbe, un giorno, arrivare sul podio come fece Pantani a suo tempo. Molto lo hanno paragonato a lui, ma forse Fabio può fare ancora meglio. A 25 anni Pantani non era ai livelli di Aru, e questo la dice lunga sul futuro che lo attenderà.

Leggi anche:  Doping Ciclismo, il Covid ha comportato meno controlli
  •   
  •  
  •  
  •