Lutto nel ciclismo: è morta Valeria Cappellotto, tricolore ’99

Pubblicato il autore: Livio Cellucci Segui

Cappellotto

Lutto nel mondo del ciclismo: l’ex ciclista Valeria Cappellotto se n’è andata, alla prematura età di 45 anni. L’ex azzurra lascia a Marano Vicentino il marito ed i suoi 3 figli. Lei, così brava in salita, non ce l’ha fatta a scalare la salita più dura, quella contro un mare incurabile, che l’ha costretta a scendere dai pedali della vita. Valeria Cappellotto, sorella minore e collega dell’ancor più celebre Alessandra (campionessa del mondo nel 1997), è stata anche lei una delle big azzurre nel ciclismo degli anni ’90: ha preso parte per ben 2 volte alle Olimpiadi (Barcellona ’92 e Sydney 2000) ed ha rappresentato l’Italia anche diverse volte ai Mondiali, ottenendo pure nel 1999 un prestigioso 5° posto nella prova di Verona. Ed il ’99 in effetti è stato decisamente il suo anno di grazia: Valeria Cappellotto si era infatti aggiudicata anche il Campionato Italiano, tingendosi finalmente di tricolore, dopo i 2 secondi posti nel ’90 e nel ’91 e dopo essere arrivata 2 volte terza, nel ’92 e nel ’97. Nel suo palmares spiccano poi anche una vittoria di tappa al Giro d’Italia e ben 2 successi di giornata al Tour de France, tutti e 3 ottenuti nel 1997. Completano infine il quadro dei suoi trionfi un Giro della Toscana (’98) e ben 2 Trofei Binda (’95 e ’96).

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

Renato Di Rocco, presidente della Federciclismo, ha espresso alla famiglia della Cappellotto tutto il cordoglio e la vicinanza del movimento ciclistico italiano. Commoventi le parole di commiato di Alessandra Cappellotto per salutare la sorella Valeria: ”Questa mattina ci ha lasciati la mia cara sorella Valeria. Come sempre nelle salite più dure, se scattava, mi mollava di ruota. Stamattina l’ho vista allontanarsi e mi aspetterà dopo l’arrivo più ambito, per Prima, come molte volte. Chi le vuole bene dica una preghiera, a lei farà piacere”.

  •   
  •  
  •  
  •