Ciclomercato 2016: Cannondale, Dimension Data, Etixx

Pubblicato il autore: Matteo Monaco
Dubai Tour 2014 - 4a tappa World Trade Center - Burj Khalifa 123 km - 08/02/2014 - Marcel Kittel (Giant - Shimano) - Mark Cavendish (Omega Pharma - QuickStep) - foto Luca Bettini - ©Dubai Tour - RCS Sport

Dubai Tour 2014 – 4a tappa World Trade Center – Burj Khalifa 123 km – 08/02/2014 – Marcel Kittel (Giant – Shimano) – Mark Cavendish (Omega Pharma – QuickStep) – foto Luca Bettini – ©Dubai Tour – RCS Sport

Cannondale Pro Cycling: non è stata una stagione felicissima quella della Cannondale, fuori dalle prime dieci della classifica a squadre del World Tour. Il cambio di gestione e la perdita di elementi fondamentali lo scorso anno, su tutti il campione del mondo Peter Sagan, ha molto ridimensionato la squadra che ha puntato soprattutto sui giovani e su un sempre coriaceo Ryder Hesjedal. A conti fatti il team di Charles Wegelius ha portato a casa la bella vittoria dell’azzurro Davide Formolo in una tappa del Giro d’Italia. Per l’anno nuovo la squadra statunitense ha ceduto i suoi pezzi da novanta (Hesjedal, Daniel Martin, Acevedo) per puntare tutto sul francese Pierre Rolland, uno dei più forti scalatori al mondo, cui manca solo la continuità nei grandi giri e sulla promessa non ancora sbocciata di Rigoberto Uran, due volte sul secondo gradino del podio al Giro d’Italia. Ottimo gregario anche il neoacquisto Simon Clarke, uno che in pianura non teme rivali.

Leggi anche:  Ciclismo, dove vedere Giro di Croazia 2022: diretta TV e streaming

Dimension Data: primo anno in World Tour per la squadra sudafricana ex-MTN che ben si è comportata la scorsa stagione come Professional riuscendo a cogliere successi importanti, come la vittoria di Kristian Sbaragli nella decima tappa della Vuelta e, soprattutto, la vittoria di Steve Cummings in una delle tappe più impegnative del Tour. Ricomincia in World Tour senza quello che era, probabilmente, il suo talento più cristallino, quel Louis Meintjes che si è accasato da Beppe Saronni alla Lampre. Per sostituire Meintjes, la squadra diretta da Douglas Ryder ha fatto affidamento su tre gregari di primissima categoria: lo scalatore spagnolo Igor Anton, troppo spesso frenato da infortuni, Omar Fraile, venticinquenne vincitore della classifica scalatori all’ultima Vuelta e il bielorusso Siutsou, capace di dire la sua in tutte le prove contro il tempo. Ma il vero colpo della squadra sudafricana è senz’altro l’ingaggio dello sprinter Mark Cavendish che, dopo una stagione sottotono, ha deciso di mettersi ancora in gioco e accettare la sfida della squadra neopromossa. Ad aiutarlo nelle volate un altro pistard di primissima categoria, Mark Renshaw, lo scorso anno con Cavendish alla Etixx.

Leggi anche:  Ciclismo, dove vedere Giro di Croazia 2022: diretta TV e streaming

Etixx – Quick Step: una squadra decisamente rimaneggiata quella che si presenta ai nastri di partenza della nuova stagione ciclistica. I due vincitori di corse World Tour del 2015, Rigoberto Uran vincitore del Gran Premio ciclistico del Quebec e il vincitore dell’Amstel Gold Race Michal Kwiatkowski sono stati entrambi ceduti. Così come è stato ceduto il velocista Mark Cavendish. Oltre ai due successi citati la squadra è riuscita a vincere complessivamente quattro tappe tra Giro e Tour grazie ai fenomeni ancora in squadra come Tony Martin e Zdenek Stybar. Sarà difficile, comunque, sostituire le tre partenze eccellenti. Il manager Patrick Lefevere ci ha provato con l’acquisto di Marcel Kittel, un velocista che poco ha da invidiare a Mark Cavendish che sarà coadiuvato dall’ex Lampre Richeze. Addio alla possibilità di lottare per un Grande Giro e spazio dunque ad atleti validi per le vittorie parziali e per le grandi classiche: dalla Cannondale arriva Daniel Martin, avversario sempre ostico sulle Ardenne, mentre dalla Trek arriva la promessa lussemburghese Bob Jungels.

  •   
  •  
  •  
  •