Ciclomercato 2016: Lotto, Movistar, Orica

Pubblicato il autore: Matteo Monaco

8657793983_5409b947e0_b

Analizziamo ora il roster di tre squadre che sono state largamente protagoniste nel corso della stagione scorsa: la dominatrice della stagione 2015, la Movistar di Valverde e Quintana, la squadra belga della Lotto – Soudal e la fortissima squadra australiana della Orica GreenEDGE, sempre tra le favorite nelle cronosquadre dell’Uci World Tour.

 

Lotto – Soudal: la stagione 2015 è stata molto positiva per la compagine ciclistica belga. Ben tre sono state, infatti, le gare dell’Uci World Tour vinte dalla squadra diretta da Marc Sergeant: l’Eneco Tour, grazie a Tim Wellens, la Vattenfall Cyclassic con André Greipel e il Gran premio ciclistico di Montréal ancora con Wellens. Oltre a questi successi la squadra si è imposta in ben cinque tappe dei Grandi Giri, tutte con il velocista Greipel, autore di una grandissima stagione. Per ripetere i fasti del 2015 la squadra belga punterà sui vecchi capitani: Greipel per gli arrivi in volata e le classiche non particolarmente dure, Tony Gallopin per le classiche delle Ardenne e per le corse di dieci giorni e Tim Wellens per tappe alpine e classiche e, chissà, Grandi Giri. Per il nuovo anno mancherà il belga Van Den Broek, passato alla Katusha, ormai nella fase calante della stagione e sostituito da Manuel Valls, vincitore lo scorso anno del Tour dell’Oman.

Leggi anche:  Daniel Martinez lascia l'Ineos? Le dichiarazioni

Movistar Team: difficile fare meglio per il team Movistar nel 2016. La squadra spagnola diretta da Eusebio Unzué ha trionfato sia nella classifica a squadre del circuito Uci World Tour che in quella individuale, grazie all’ennesima stagione super di Alejandro Valverde. Se si vuole trovare una pecca nella magnifica stagione della squadra spagnola, la si può ricercare nella mancata vittoria in una Gran Giro: Quintana si è piazzato secondo al Tour e quarto alla Vuelta, mentre Valverde ha ottenuto uno storico podio al Tour (terzo) non andando oltre il settimo posto nella corsa a tappe spagnola. Per centrare la vittoria in un grande giro, possibilmente al Tour con Quintana, Unzué ha rafforzato il roster dei gregari, con l’acquisto di Oliveira dalla Lambre, Dani Moreno dalla Katusha e, soprattutto, di Carlos Alberto Betancur dall’AG2R che se confermerà quanto di buono fatto vedere nel 2012-2013 potrà diventare l’arma in più della squadra.

Leggi anche:  Van Aert e Pogacar contro l'assenza di radioline ai Mondiali. Le dichiarazioni

Orica GreenEDGE: squadra compatta, quella australiana che punta molto sulle cronosquadre nelle varie competizioni a cui partecipa. Vincitrice della Classica di San Sebastian grazie al talento britannico Adam Yates, su cui la squadra punta tantissimo in funzione Grandi Giri, l’Orica è riuscita a imporsi in due tappe del Giro d’Italia (una cronosquadre e il fortissimo Michael Matthews) e tre alla Vuelta, con Caleb Ewan e un Esteban Chaves che sembra tornato ai valori che dimostrava di avere da ragazzo. Squadra giovane e compatta, il general manager Bannan ha deciso di non stravolgere il roster, aggregando tre neoprofessionisti e uomini di esperienza in grado di vincere tappe nei grandi giri e le classiche di maggior interesse: il velocista Luca Mezgec, lo scorso anno gregario di Kittel, lo spagnolo Ruben Plaza e il forte gregario danese Juul Jensen.

  •   
  •  
  •  
  •