Torna l’incubo delle bici truccate

Pubblicato il autore: @lorenzo_v_81 Segui

ciclismo

Un nuovo scandalo scuote il ciclismo, ma stavolta non si tratta di doping come solitamente lo intendiamo con sostanze proibite assunte da uno o più ciclisti, ma un doping alla bicicletta. Infatti si registra il primo caso di vera e propria frode tecnologica durante il mondiale di ciclocross svoltosi in Belgio a Zolder. La bici dell’atleta 19enne Femke Van Den Driessche, che partecipava alla gara delle donne under 23,  è stata sequestrata dagli ispettori dell’UCI dopo la segnalazione di un motorino all’interno di essa. La scoperta sulla bici della campionessa europea Women Youth è avvenuta tramite un nuovo sistema di rilevamento attraverso un tablet.  Tra l’altro la gara non era andata particolarmente bene per l’atleta belga che, dopo esser partita dalla prima fila ha chiuso 10a la prima delle quattro tornate scendendo poi al 28° posto e tagliando il traguardo a piedi spingendo la bici. Questo rilevamento è stato possibile grazie anche alla norma introdotta lo scorso anno nel regolamento UCi nella quale, al punto 12 dove si parla di Disciplina e procedure, si dice testualmente parlando di frode tecnologica:”Le sanzioni per il corridore sono l’esclusione dall’ordine d’arrivo, la squalifica per un periodo minimo di 6 mesi, una multa dai 19.265 ai 192.230 euro. Sanzione pecuniaria più dura per i team: da 96.135 a 963.160 euro, un milione di franchi svizzeri.

DIFESA: La difesa della giovane atleta non è stata convincente:“Non era la mia, ma quella di un amico, identica alla mia – dice tra le lacrime la Ven Den Driessche  alla testata online belga Sporza- , e mi è finita in mano a causa di un malinteso di un meccanico. Questo ragazzo si allena a volte con me  ma ignoravo del tutto che usasse una bici con il motore, anche se sembra del tutto uguale alla mia. Sono scioccata, mi sento molto male. Sono consapevole del fatto che ho un grosso problema. Non ho paura dell’inchiesta, so di non aver fatto nulla di male – ha concluso la ciclista -, ma sono consapevole che mia carriera potrebbe essere finita, anche se spero di avere una seconda possibilità”.

VOCE ALL’UCI: Seconda possibilità che al momento sembra molto difficile anche guardando quello che Brian Cookson, presidente dell’unione ciclistica internazionale, ha scritto sul proprio profilo Twitter:”La frode tecnologica è inaccettabile. Vogliamo che la minoranza che pensa di usare questi trucchi capisca che è impossibile nasconderli a lungo e che prima o poi pagherà per i danni che fa al nostro sport”.


Prosegue poi Cookson nella conferenza stampa tenuta dall’Uci:”Abbiamo condotto ispezioni a sorpresa su biciclette per tutta la stagione 2015, in occasione di grandi eventi. Continueremo a fare controlli simili anche nel 2016. L’anno scorso abbiamo stabilito un insieme di regole che ci permettono di agire, e la sperimentazione di nuovi metodi di rilevazione, ma come è comprensibile non posso entrare nel dettaglio”. Il coordinatore dell’Uci Peter Van den Abeele ha detto alla testata Sporza che “è stato subito chiaro che c’era qualcosa di sbagliato. I nostri ispettori hanno effettuato controlli alla partenza e durante la gara nei box e hanno stabilito la frode meccanica. Per l’Uci è la prima volta che viene rilevata la frode tecnologica e per noi questo è un aspetto negativo. C’è anche un lato positivo di questa storia: la tecnologia è a punto”.

TRISTEZZA NELLA SQUADRA: Il selezionatore belga Rudy de Bie ha così commentato l’accaduto:“Io non avrei mai pensato che queste cose fossero possibili. È uno scandalo che l’entourage di Femke abbia ingannato la federazione belga”.  Al belga De Staandard il padre della ragazza ha detto: “Non è la bici di Femke. La bici era ai box. È di qualcuno del suo entourage che ogni tanto si allena con lei. Ma non c’è mai stata l’intenzione di utilizzarla in gara. Non sappiamo cosa significhi frode tecnologica. Ma se l’intenzione era di barare, avrebbe usato quella bicicletta? Femke è campionessa europea e belga. Perche questo è successo ai campionati mondiali?”.

 

  •   
  •  
  •  
  •