Tour Oman: Nibali predica nel deserto

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

nibali tour omanLe immagini della quarta tappa dell’ Oman Tour ci regalano un meraviglioso Vincenzo Nibali che si inerpica verso l’arrivo in salita della Green mountain con apparente facilità e man mano perde avversari con continue accelerazioni.
Certo che da spettatore lo scenario ambientale non rende giustizia al ciclismo e agli atleti.
Strade belle e grande pendenza ma gara non spettacolare con un percorso poco mosso e una triste scrematura dei migliori senza uno straccio di pubblico.
Capisco le esigenze televisive e turistiche ma vedere il gruppo navigare compatto nel deserto, senza intravedere la benché minima traccia di spettatori, è triste.
Lo sport è corretto pubblicizzarlo e proporlo ovunque ma qui credo che l’unica che ci guadagni è la federazione internazionale ciclistica, foraggiata dall’ente del turismo.
Una gara a tappe spot per il paese, indubbiamente bello paesaggisticamente parlando, ma inutile dal punto di vista della promozione delle due ruote.
Solo dei professionisti possono affrontare questo complesso e ostile pomeriggio d’oriente.
Sintomatico il tweet di Rui Costa a fine gara che mostra tra il divertito e il preoccupato il segno dei pantaloncini.

Leggi anche:  Johan Bruyneel tuona: "Il ciclismo è pieno di ipocriti. Lance Armstrong era meno dopato di gente come Basso e Ullrich"

Certo è che il siciliano dell’ASTANA c’è e ci auguriamo mantenga questa forma per le gare che lo attendono tra poco in Europa, cominciando dalla Tirreno Adriatico ad inizio marzo.
Forza Vincenzo e viva il tricolore che porti fiero in giro per il mondo.

  •   
  •  
  •  
  •