Vuelta Valenciana: risultati cronoprologo e altimetria seconda tappa

Pubblicato il autore: Matteo Monaco Segui

Torna dopo otto anni la Vuelta Valenciana e torna con un cronoprologo di 16 km vinto dall’atleta del team Sky Wouter Poels.

Il favorito della vigilia era il suo compagno di squadra, Vasil Kirienka, finito terzo a 21 secondi, nel mezzo buona prova del corridore Astana Luis Leon Sanchez a 14 secondi. Alla fine la crono iniziale si è rivelata, grazie anche a un Gran premio della montagna di terza categoria posto a 4 km dalla fine della prova, meno adatta ai cronoman puri e più idonea a corridori completi come Poels che, se dovesse mantenere lo stato di forma, potrebbe impensierire tutti anche per la classifica generale.

Bene gli italiani con Diego Rosa ottimo quarto a 22 secondi mentre Aru è partito abbastanza piano, finendo a poco più di un minuto dal vincitore di giornata.

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

La start list della corsa è di primissimo livello: oltre a Fabio Aru, vincitore della Vuelta 2015 sono presenti anche gli scalatori Pierre Rolland e Davide Formolo della Cannondale, Purito Rodriguez della Katusha, il velocista Nacer Bouhanni della Cofidis, Leopold Konig, Mikel Nieve e Wouter Poels del team Sky e i cacciatori di tappe Tom Boonen e Niki Tepstra della Etixx. In casa Italia, occhi puntati anche sulla Bardiani che presenta l’azzurro Nicola Boem atteso a riconfermare una stagione positiva come quella dello scorso anno, Sonny Colbrelli ed Enrico Barbin.

Domani la seconda tappa, che già potrà dire chi può vincere la corsa e a che punto sono i favoriti che lotteranno più avanti per le grandi corse di primavera: da Castellon a Fredes con due gran premi della montagna il primo, di seconda categoria arriva dopo 60 chilometri mentre l’ultimo, di prima categoria porterà gli atleti all’arrivo. Il Puerto de Fredes è una salita abbastanza impegnativa. Lunga 15 chilometri raggiunge punte massime del 12 per cento al primo chilometro per poi addolcirsi un po’ fino al terzo chilometro, quando la strada torna a salire con pendenza media del 6 % e punte al 9. I successivi sette chilometri hanno pendenze abbastanza blande, dal 4 al 5 % per poi diventare più dura nell’ultimo chilometro, con pendenza media del 7 % e punte del 12.

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

Risultati del Cronoprologo e classifica generale

1) Wouter Poles (Team Sky) 22’ 34”
2) Luis Leon Sanchez (Astana) +15”
3) Vasil Kirienka (Team Sky) +21”
4) Diego Rosa (Astana) +22”
5) Jesús Herrada (Movistar) +26”
6) Victor Campenaerts (LottoNL – Jumbo) +27”
7) Bob Jungles (Etixx-Quick Step) +27”
8) Leopold König (Team Sky) +29”
9) Reto Hollenstein (IAM) +30”
10) Imano Erviti (Movistar) +30”

Altimetria seconda tappa

seconda-tappa

  •   
  •  
  •  
  •