Vuelta valenciana: risultati della seconda e terza tappa e classifica generale

Pubblicato il autore: Matteo Monaco Segui

1054978-18962171-1600-900

La seconda tappa della Vuelta Valenciana, il primo arrivo in salita, ha visto la vittoria netta di Daniel Martin, autore di una bellissima progressione ai cinquecento metri dal traguardo. La tappa ha visto una fuga immediata dopo il chilometro zero con il colombiano Torres che sulla salita finale ha provato a staccare il gruppetto dei fuggitivi. L’azione non si è rivelata valida, però, per distanziare il gruppo di testa che rinveniva forte da dietro. Preso Torres sono partiti in contropiede il nostro Sonny Colbrelli e Imano Estevez. Anche questo tentativo è stato annullato e il ricongiungimento ha favorito lo scatto, possente di Jesus Herrada della Movistar. L’atleta spagnolo ha retto fino all’ultimo chilometro quando l’accelerazione di Daniel Martin ha riportato sotto il gruppo. Martin è riuscito a guadagnare quei tre secondi che sono stati decisivi per la vittoria di tappa.

Leggi anche:  Nibali futuro commissario tecnico? Ecco la risposta del corridore

A sorpresa arriva la vittoria, nella terza tappa della Vuelta Valenciana, in volata del giovane belga della Lotto, Dylan Groenewengen davanti al favorito di giornata Nacer Bouhanni e al russo della Katusha Alexander Porsev. Ottima impressiona ha destato Tom Boonen tornato alle corse dopo la frattura cranica rimediata all’Abu Dhabi Tour: il belga ha fatto parte della volata giungendo a un buon quarto posto.

La tappa, che prevedeva l’unico gran premio della montagna della giornata subito dopo la partenza, ha visto pronti via la fuga di Enrico Barbin della Bardiani ma, non riuscendo a portare via la fuga si è rialzato, facendosi riprendere dal gruppo. Pochi chilometri dopo è partita una fuga ben più interessante composta da sei corridori: Nikolay Mihaylov del team CCC Sprandi, André Goncalves della Caja Rural, Pablo Torres della Burgos-BH, il coriaceo Johnny Hoogerland, sempre in fuga, del team Roompot, l’azzurro Giorgio Bocchiola della D’Amico – Bottecchia e Jon Insausti dell’Euskadi Basque, la compagine basca che sta tentando di ritornare ai fasti di qualche anno fa quando con la Euskatel era tra le squadre più spettacolari di tutto il circuito. Ripresi dopo poco anche loro, il gruppo ha cominciato a viaggiare piuttosto compatto, pur con qualche azione sparsa da parte di diversi corridori che hanno provato a movimentare e a rendere dura una tappa che, altimetria alla mano, non dava molto spazio a fughe o colpi di genio particolari. Ripresi gli ultimi fuggitivi ai meno dodici, il gruppo si è preparato per la volata.

Leggi anche:  Fabio Aru, anche la Bardiani apre le porte al corridore

All’ultimo chilometro è partito il trenino della Cofidis per lanciare la volata al suo uomo di punta, l’ex pugile Bouhanni, partito bene a 150 metri dal traguardo è stato penalizzato da un treno troppo lento che ha permesso a Dylan Groenewengen di stare comodamente alla sua ruota per poi superarlo negli ultimi cinquanta metri. Tom Boonen ha tenuto bene il trenino però non ha avuto la forza necessaria per aumentare il ritmo, finendo quarto, la stessa posizione che aveva all’inizio dello sprint.

Invariata la classifica della Vuelta Valenciana con Wout Poels sempre in testa.

CLASSIFICA DELLA VUELTA VALENCIANA

1) Wouter Poles (Team Sky) 8h 36’ 54”
2) Luis Leon Sanchez (Astana) +15”
3) Diego Rosa (Astana) +22”
4) Jesús Herrada (Movistar) +26”
5) Bob Jungles (Etixx-Quick Step) +27”
6) Javier Moreno (Movistar) +32”
7) Beñat Intxausti (Team Sky) +33”
8) Ion Izagirre (Movistar) +38”
9) Leopold König (Team Sky) +39”
10) Stef Clement (IAM) +45”

  •   
  •  
  •  
  •