Ciclismo, Parigi-Nizza: Bouhanni declassato, seconda tappa a Matthews

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

ciclismo parigi nizza
Trionfa, l’idolo di casa Nacer Bouhanni. Anzi no: per la giuria, il velocista della Cofidis ha deviato la traiettoria “schiacciando” il rivale Michael Matthews (Orica GreenEdge) contro le transenne, quindi va declassato al terzo posto. Così, per l’australiano leader della Parigi-Nizza arriva un insperato successo nella seconda frazione in linea della corsa a tappe d’Oltralpe, da Contres a Commentry, dopo 214 km. dietro di lui, si piazza un eccelso Niccolò Bonifazio (Trek Segafredo), apparso già brillantissimo in sede di volatona finale. Un finale thrilling, dunque, nel nervoso finale di questa lunga frazione. Ad animare la corsa, sin dai primi chilometri, una fuga a quattro con Tsgabu Grmay (Lampre- Merida), Matthias Brandle (IAM Cycling), Anthony Delaplace (Fortuneo – Vital Concept) e Evaldas Siskevicius (Delko-Marseille). Il gruppo ha giocato al gatto col topo, acciuffando il quartetto a poco più di 10 km dal traguardo: era troppo ghiotta la giornata per i team delle rotelle veloci del gruppo. Così, negli ultimi 400 metri la Cofidis lancia lo sprint proprio a Bouhanni, che nella lieve semicurva finale si trova davanti. Quando vede sopraggiungere l’australiano sulla sinistra, pronto a saltarlo, il transalpino originario della Lorena stringe troppo alzando addirittura il gomito. Dopo l’arrivo la tensione è alta: il francese va subito ai microfoni delle tv per il giubilo post-vittoria, ma per lui è in arrivo la doccia gelata: la giuria lo spedisce al terzo posto, promuovendo Matthews che così si porta a casa il successo, oltre a rimanere saldo in vetta alla corsa. Nel finale paura anche per Pierre-Luc Perichon, corridore francese della Fortuneo che travolge uno spettatore a bordo strada: i due sono stati tempestivamente soccorsi dai medici della corsa accorsi subito. Domani tappa vallonata con partenza da Brusset ed arrivo a Mont Brouilly: è probabile che il capitano dell’Orica GreenEdge sia costretto a passare la maglia gialla a qualcun altro.

Leggi anche:  Johan Bruyneel tuona: "Il ciclismo è pieno di ipocriti. Lance Armstrong era meno dopato di gente come Basso e Ullrich"
  •   
  •  
  •  
  •