Milano-Sanremo 2016: Vince il francese Démare (Video highlights)

Pubblicato il autore: Cosimo Lanzo Segui
milanosanremo 2016 de mare

Arnaud Demare vince la Milano-Sanremo 2016

Arnaud Démare vince la Milano-Sanremo 2016. E’ un trionfo storico per il 24enne di Beauvais, che riporta la vittoria in Francia a 21 anni dal successo di Laurent Jalabert. Per il corridore della Fdj è senz’altro la vittoria piu’ importante in carriera. Arnaud Démare è al 35esimo successo da professionista ma di lui si ricordano soprattutto il titolo di campione del Mondo under 23 nel 2011 e la vittoria nella Classica di Amburgo nel 2012. Demare pero’ conferma un trend: negli ultimi sei anni ben cinque con lui hanno vinto la Milano-Sanremo dopo aver partecipato alla Parigi-Nizza.

PERCORSO DEVIATO, BAGARRE INIZIALE. Nella parte iniziale della corsa c’è spazio per corridori in cerca di gloria e di fortuna: Bagdonas, Kluge, Bono, Tjallingii, Coledan, Tvetcov, Maestri, Barta, Kurek, Conti, Peron. La loro fuga arriva fino a 10′ di vantaggio ma viene annientata dalle azioni dei gregari delle squadre dei velocisti. Sulla Cipressa Nibali mette il suo Agnoli, un segnale preciso. Ci provano anche Oss, Montaguti, Sabatini e Visconti. La corsa subisce anche una varazione: quattro chilometri in più per una frana che costringe l’organizzazione a far percorrere un breve tratto di autostrada ai corridore. Alla fine si contano 295 km percorsi. La corsa si decide sul Poggio.

Leggi anche:  Dove vedere Giro di Svizzera 2021, streaming e diretta tv in chiaro?

POGGIO E VOLATA FINALE. La corsa è stata molto accesa nel finale. Complice anche il forte vento che spirava lateralmente, negli ultimi 30 km la Milano-Sanremo ha visto tre-quattro cadute, una per la verita’ provocata da un auto troppo esposta sulla sede stradale. Proprio in una di queste cadute sono incappati Demare, che non si è dato per vinto ed è riuscito a rientrare in gruppo; e Michael Matthews, troppo provato per tentare la volata. Sull’ascesa finale del Poggio ci provano prima l’italiano Fedi, poi Gallopin e infine Kwiatkowski. Il polacco non ripete l’azione che gli è valsa la maglia di campione del mondo. Il gruppo tuttavia risponde colpo su colpo e quando comincia la discesa tenta l’attaco Vincenzo Nibali. Lo Squalo dello stretto prova la fuga da finisseur ma un grande Trentin gli sbarra la strada. Allora ci prova Fabian Cancellara, ma la Locomotiva di Berna non riesce a fare il vuoto e proprio nel momento in cui viene ripreso provano lo scatto Boasson Hagen e Van Avermaet. Mancano meno di 1500 metri al traguardo e la loro azione non riesce a fare la selezione necessaria.

Leggi anche:  Dove vedere Giro di Svizzera 2021, streaming e diretta tv in chiaro?

Il gruppo quindi li riprende a circa 500 metri dal finale. Fernando Gaviria, proprio quando era in testa si tocca con la ruota di Peter Sagan e cade, dicendo addio alle sue speranze di vincere la prima grande classica. Negli ultimi trecento metri il favorito alla vittoria finale sembra Nacer Bouhanni ma al francese gli salta la catena (arrivera’ quarto). Cosi’ negli ultimi metri la spunta Arnaud Demare, mettendo la sua bici sul traguardo di via Roma davanti a Ben Swift (Sky) e Jurgen Roelandts (Lotto). “Sono sconvolto – dice il corridore della Fdj sul traguardo di via Roma – mi fa pensare a tutti i sacrifici, alle volte in cui ho pedalato da solo, ci sono dei giorni in cui la vita ti sorride, ed è davvero fantastico. Non mi sono reso conto subito all’inizio, mi chiedevo se ci fosse qualcuno davanti. Non ho molto da dire, sono sorpreso di quello che ho fatto”.

Qui gli highlights della Milano-Sanremo 2016.

Leggi anche:  Dove vedere Giro di Svizzera 2021, streaming e diretta tv in chiaro?

CLASSIFICA D’ARRIVO — 1. Arnaud Demare (Fra, Fdj) in 6.54’45”; 2. Swift (Gbr); 3. Roelandts (Bel); 4. Bouhanni (Fra); 5. Van Avermaet (Bel); 6. Kristoff (Nor); 7. Haussler (Aus); 8. Pozzato; 9. Colbrelli; 10. Trentin; 12. Sagan (Svk); 13. Montaguti; 15. Valverde (Spa); 17. Bonifazio; 20. Gavazzi; 21. Rebellin; 22. Fedi; 26. Boasson Hagen (Nor); 29. Battaglin; 30. Pellizotti; 31. Cancellara (Svi); 33. Nibali a 8″; 40. Kwiatkowski (Pol) a 34”; 42. Nizzolo a 36”; 45. Visconti; 58. Ulissi; 59. Matthews (Aus); 60. Puccio a 43”; 61. De Marchi a 44”; 65. Gatto a 1’30”; 79. Gaviria (Col) a 1’48”.

  •   
  •  
  •  
  •