Ciclismo, Freccia Vallone: Alejandro Valverde cala il poker

Pubblicato il autore: Valerio Mingarelli Segui

freccia vallone
Il muro di Huy, una delle asperità più gloriose del ciclismo mondiale, da oggi può anche essere definito il muro di Alejandro. A pochi giorni dal suo 36esimo compleanno (compirà gli anni il 25 aprile), Valverde conquista la sua quarta edizione della Freccia Vallone dopo quelle del 2006, 2014, 2015 confermandosi un autentico fuoriclasse nelle corse di un giorno. E’ l’unico, nella storia della blasonata corsa delle Ardenne, ad aver calato il poker: il murciano con una scelta di tempo da vero maestro lascia sfogare prima il suo più temuto rivale, Purito Rodriguez, a 800 metri dal traguardo. Poi lascia campo a Daniel Martin, brillante su questo tipo di arrivi. A meno di 200 metri, poi, la stoccata vincente e l’arrivo a braccia alzate in cime al mitico “dentone” di strada della Vallonia. Secondo si piazza Julian Alaphilippe, terzo Daniel Martin. Orrima prestazione anche per Enrico Gasparotto, fresco vincitore dell’Amstel Gold Race in Olanda: è 5°. con questo successo, il veterano murciano diventa di diritto il favorito numero uno per la “doyenne”, al secolo la Liegi-Bastogne-Liegi, in programma domenica come grande antipasto del Giro d’Italia che andrà in scena a maggio. “Devo dire grazie alla Movistar, squadra che sa assistermi sempre al meglio: questo muro ormai è casa mia, e quella di oggi è una delle vittorie più dolci della mia carriera”.

Leggi anche:  Fabio Aru parla del suo malessere. E ora che cala il sipario, si alzi il rispetto
  •   
  •  
  •  
  •