Freccia Vallone 2016: diretta tv, percorso e favoriti

Pubblicato il autore: Cosimo Lanzo Segui

muro di huy

Percorso, favoriti e diretta tv della Freccia Vallone 2016.

Il trittico delle Ardenne giunge al secondo capitolo, la Freccia Vallone. Quest’anno la corsa festeggia gli 80 anni e promette come sempre grande spettacolo. Il percorso della Freccia Vallone conta 12 cotes (due in più dello scorso anno), 196 chilometri – non certo i massacranti 250 della Parigi-Roubaix – e ha in serbo il grande atteso della stagione: il Muro di Huy. La salita è lunga poco più di 1300 metri, ha una pendenza media del 9,6% ma con punte del 19. L’ascesa tuttavia i corridori dovranno affrontarla tre volte, a partire dai 100 km di corsa, e nell’ultima c’è la S che tocca la soglia del 26%. Insomma solo chi avrà a una condizione ottimale e caratteristiche minime da passista-scalatore potrà puntare alla vittoria finale. Non è un caso che il favorito alla vittoria finale sia Alejandro Valverde, vincitore nelle ultime due edizioni.

Lo spagnolo della Movistar a quasi 36 anni (il 25 aprile, ndr) cerca lo storico poker: in caso di vittoria scalzerebbe due mostri sacri della corsa come, Kint, Eddy Merckx, Moreno Argentin e Davide Rebellin, fermi a quota tre vittorie. Le premesse sono buone, perché Valverde è reduce da una vittoria al Castilla y Leon in Spagna. Ma Valverde dovrà vedersela con altri corridori in cerca di gloria. A cominciare dai padroni di casa. Il favorito dei belgi è Gilbert, alle prese con problemi esterni al ciclismo (lite con automobilista e uso spray urticante) ma uno dei pochi a vincere il trittico delle Ardenne. Insomma la Freccia-Vallone potrebbe essere l’occasione per mettersi alle spalle un periodo buio.

Un possibile protagonista è Julian Alaphilippe, 23enne della Etixx che lo scorso anno finì secondo alle spalle di Valverde. Attenzione anche a Sergio Henao, secondo alla Freccia nel 2013 e molto in forma, e il solito Daniel Martin, grande interprete delle classiche. Altro possibile protagonista è Michael Matthews, che quando parte favorito paga lo scotto e non riesce a confermare le attese. Infine c’è Joaqim Rodriguez, capitano della Katusha e ottimo scalatore come Valverde. Purito la Freccia l’ha vinta una volta, finendo altre due volte secondo. A 36 anni però la sua carta d’identità assieme a una forma non smagliante in questo inizio di 2016 potrebbe non essere sufficiente.

ITALIANI, POCHI MA BUONI. L’Italia nella Freccia Vallone ha sempre avuto un ruolo da protagonista. Nel palmares sono due gli italiani ad aver vinto tre volte la classica delle Ardenne e nell’albo d’oro solo i padroni di casa del Belgio (35) hanno fatto meglio dell’Italia (18). Se guardiamo alle squadre, il comitato organizzativo ha deciso di invitare solo la Lampre-Merida. Gli italiani che possono ambire alla vittoria sono almeno due. Il primo è Diego Ulissi (nella foto in alto, ndr). Non ha ancora vinto una classica ma a 26 anni è l’ora di sfatare il tabù perché le sue caratteristiche di finisseur unite a un grande senso tattico sono delle carte vincenti. Un altro Diego potrebbe recitare il ruolo da protagonista: parliamo di Diego Rosa.

diego rosa

Diego Rosa trionfa alzando la bici al cielo in una tappa dei Paesi Baschi

La super squadra dell’Astana ha deciso di puntare tutto su di lui, affidandogli i gradi di capitano anche per la simultanea assenza di Nibali (è al Giro del Trentino) e Aru (forfait). A 27 anni Diego Rosa ha la grande possibilità di vincere una classica-monumento anche perché il suo stato di forma è davvero brillante in questo periodo. Unica insidia è la mancanza di pedigree da grande classica, che però potrebbe essere mitigata dalla saggezza dei suoi compagni di squadra. Gasparotto dopo la grande vittoria all’Amstel Gold Race può recitare un ruolo da protagonista ma le sue caratteristiche di passista e il Muro di Huy sono ostacoli insormontabili per la vittoria finale. Rosa e Ulissi quindi sono gli unici a poter spezzare un digiuno datato sette anni (Rebellin 2009).

DIRETTA TV. La Freccia Vallone è trasmessa in diretta da Rai Sport 1 (canale 57  del digitale terrestre) e Rai Sport 2 a partire dalle ore 12,30 del mattino. Sul satellite è visibile su Eurosport, canale 210 del pacchetto Sky e sul canale 227 con Rai Sport 1. Il primo passaggio sul Muro di Huy dovrebbe avvenire attorno alle ore 14,00, mentre l’arrivo della corsa è previsto alle 17,00 circa.

  •   
  •  
  •  
  •