Giro d’Italia 2016: un’app gratuita per sapere tutto sulla corsa rosa

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

The Giro d'Italia 2016's presentation at EXPO. Milan, 5 ​October ​2015.​ ANSA/​CLAUDIO PERI


Sport e tecnologia sono diventati ormai un connubio imprescindibile. Anche se chi si trova da questa parte della barricata non riesce a vedere ne tanto meno capire gli ingranaggi che fanno muovere lo sport, proprio come uno spettacolo. Quest’anno il Giro d’Italia si munisce di una speciale applicazione, disponibile sia per Android che per iOS, scaricabile gratuitamente dallo store Android o Apple per rimanere sempre aggiornato e connesso alla corsa ciclistica più importante d’Italia e una delle più prestigiose al mondo.

La nuova app ufficiale del Giro, sponsorizzata dal portale Casa.it, ha una nuova e accattivante grafica, pensata e creata per vivere in prima persona la Corsa (partenza il 6 maggio da Apeldoorn e arrivo il 29 maggio a Torino). Sulla app saranno disponibili tutte le news aggiornate, le informazioni di ogni squadra e di ogni corridore che parteciperà all’evento, la sezione live per seguire in diretta l’evolversi della Corsa, le classifiche, i video, le interviste e gli highlights direttamente da un’unica piattaforma. Molto interessante è la parte che riguarda i luoghi attraversati dal Giro d’Italia 2016, si potranno infatti trovare informazioni, foto e video, di tutti quei posti del nostro Paese toccati dalla Corsa: i cibi e i vini autoctoni, le tradizioni e le usanze quotidiane, i luoghi d’interesse sia storico-artistico che paesaggistico. Inoltre, con GiroAdvisor, nato in collaborazione col famoso portale TripAdvisor, si potrà trovare tutte le info utili dei luoghi attraversati dal Giro, inclusi anche i migliori ristoranti e B&B. Ancora, con facce da Giro si potrà condividere la propria foto personalizzata, cosi da inoltrare il ricordo e l’esperienza personale fatta nel seguire da vicino ogni evento.

Leggi anche:  Ciclismo, Cronometro Uomini Elite: streaming gratis e diretta tv? Dove vedere Campionati Italiani

Il Giro d’Italia è sempre più al passo coi tempi, dimostrando che alla veneranda età di quasi cento anni (il 1909 è l’anno di fondazione della manifestazione ciclistica nazionale) si può essere più moderni di quanto qualsiasi giovincello possa dimostrare. La digitalizzazione permette sia di facilitare i collegamenti e lo scambio di informazioni sia di poter interagire in prima persona con la corsa e lasciare un marchio indelebile e personale su di essa. Gli sforzi fatti in questo senso sono difesi dai numeri, che dimostrano un rinnovato attaccamento alla corsa e una nuova curiosità, soprattutto nei più giovani.

  •   
  •  
  •  
  •