Liegi Bastogne Liegi, ecco la storia della corsa

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui
Liegi-Bastogne-LiegiNella giornata odierna andrà in scena la Liegi Bastogne Liegi, edizione numero 102. La corsa famosa in tutto il mondo va in scena da 124 anni. Ecco la storia della manifestazione europea, come riportato da Gazzetta.it.
La prima edizione della Liegi Bastogne Liegi venne istituita nel 1892 dalla Liege Cyclist Union e rappresenta la più antica classica del calendario. Proprio per questo particolare viene denominata Doyenne, ovvero la decana.

La Liegi Bastogne Liegi agli esordi era semplicemente una corsa per dilettanti ed ebbe un inizio non molto semplice a causa della prima guerra mondiale. In seguito la Liegi Bastogne Liegi venne aperta anche agli indipendenti.
La prima edizione prese il via il il 29 maggio 1892 dove si contarono 33 corridori al via ma soltanto 17 arrivarono al traguardo dopo 250 km. Il vincitore fu il belga Leon Houa in 10 ore, 48 minuti e 36 secondi.
Agli esordi la Liegi Bastogne Liegi fu soltanto una corsa in terra belga, pochi gli stranieri in gara. Nelle prime 34 edizioni infatti ci furono soltanto due vittorie da parte di corridori non belgi:
nel 1908 il francese Trousselier e nel 1930 il tedesco  Buse. Dopo 1951, a seguito delle due vittorie consecutive  dello svizzero Ferdi Kubler, la famosa corsa decise di ampliare i propri territori. Passando ad analizzare i trofei vinti dai corridori troviamo in testa Eddy Merckx, primatista in assoluto della Liegi Bastogne Liegi con cinque successi. Eddy Merckx alla famosa corsa vinse in maniere clamorose, da ricordare l’impresa del 1969 dove il corridore andò in fuga a 100 km dall’arrivo con Victor Van Schil, per poi vincere la corsa con 8’05”.
Per quanto riguarda gli stati saliti nel gradino più alto del podio vi è il Belgio con 59 successi seguito dall’Italia con 12. Il primo ciclista a vincere la Liegi Bastogne Liegi fu
Carmine Preziosi nel 1965 in volata davanti a Vittorio Adorni e al belga Martin Van del Bosche,
Dopo Belgio ed Italia troviamo altre 12 nazione che hanno vinto almeno una corsa: Svizzera (6), Francia (5), Kazakistan, Olanda, Spagna e Irlanda (3), Germania e Lussemburgo (2), Danimarca, Russia, Stati Uniti e Australia (1).
Non solo Eddy Merckx, ma anche Moreno Argentin registra quattro successi.
Gli italiani a partire dal 1982 vantano molti successi: ben undici sono state le vittorie. Dopo Preziosi si registra la vittoria nel 1982 di Silvano Contini, poi il poker di Moreno Argentin, le doppiette di Michele Bartoli e di Paolo Bettini nel 2000 e nel 2002 e i successi di Davide Rebellin nel 2004 e Danilo Di Luca nel 2007.
Nella breve storia narrata sulla Liegi Bastogne Liegi non si può tralasciare l’impresa del Tasso.
 Domenica 20 aprile 1980, incredibile giornata fuori stagione condizionata da freddo, pioggia gelata, e bufera di neve alla partenza. Mai in tutta la storia della famosa corsa si registrano condizioni meteo così sfavorevoli. Alla partenza Rudy Pevenage e Ludo Peeters partirono forti, ma vennero raggiunti da Henk Lubberding, Silvano Contini e Bernard Hinault. Malgrado le pessime condizioni meteo Hinault staccò i compagni di fuga e a 80 km dal traguardo restò solo al comando. Già vincitore nel 1977, il Tasso arriverà a Liegi con 9’24” di vantaggio sull’olandese Hennie Kuiper ed il belga Ronny Claes. Questo fu il più alto distacco dal 1928. Inoltre un dato che merita di essere ricorsato è questo: dei 174 partenti chiusero la corsa soltanto in 21. Jostein Wilmann, ultimo corridore,  arrivò dopo 27 minuti.
Leggi anche:  Dumoulin, il futuro dopo le Olimpiadi di Tokyo
  •   
  •  
  •  
  •