99° Giro d’Italia si parte il 06 maggio dall’Olanda: Nibali favorito, Landa e Valverde le alternative

Pubblicato il autore: Omar Bonelli Segui


Il 99°Giro d’Italia va in scena, da venerdì 06 maggio fino a domenica 29 maggio, si parte dall’Olanda, precisamente da Apeldoorn, una specie di Eden della bicicletta, al confine con il parco nazionale Hoge Weluve, nel cuore verde più grande del Paese dei tulipani. Inizia con la crono di 9,8 km che parte dall’interno del velodromo, ci dovrebbe essere anche il re Gugliemo Alessandro. Poi altre due tappe di 190 km prima del riposo e del trasferimento in Italia nel profondo Sud della Calabria.

Come sempre i favoriti Vincenzo Nibali, Alejandro Valverde, Mikel Landa, dovranno partire subito forte, all’inizio è bagarre pesante, come una molla che scatta di colpo. Cadute, pioggia e vento sono all’ordine del giorno. Qui non si vince il Giro, ma si può già cominciare a perderlo, se solo ci si distrae un attimo. Dato statistico Valverde nonostante sia un veterano delle due ruote, ma è alla sua prima partecipazione al Giro.

Leggi anche:  Nibali, parla Michele Bartoli: "Non lo sto accusando. Non mi trascinerei"

Proprio Nibali già vincitore nel 2013, vorrà rivincere il giro con la sua squadra l’Astana orfana di Fabio Aru secondo l’anno scorso, quindi il ciclista messinese sarà la punta di diamante della squadra kazaka. L’avvicinamento alla corsa non è stato ideale, o quantomeno così sembra. Il Giro del Trentino e la Liegi, ultime corse cui ha partecipato, hanno restituito un Nibali scarico e lontanissimo dal livello dei migliori. Prestazioni decisamente insufficienti, forse con i carichi di lavoro svolti in altura ancora da smaltire. Paolo Slongo, il preparatore dell’Astana, non sembra preoccupato ma il rischio di vedere una fotocopia del Tour dello scorso anno, con Vincenzo che ha trovato la condizione solo nelle ultime tappe, è reale.

I principali rivali dello “squalo” saranno gli spagnoli Valverde e Landa, il Giro dopo la partenza in Olanda si sposterà in Calabria, Campania, Abruzzo, Umbria e Toscana, presentano tutte lievi e medi dislivelli e la prima importante tappa in salita sarà la sesta, quella fra Ponte e Roccaraso.
Da lì le salite diminuiranno e fra Emilia Romagna e Veneto saranno tutte tappe per velocisti, in attesa delle salite friulane e nelle Dolomiti, ovvero le prima veramente difficili in cui si potrà già capire chi lotterà seriamente per la vittoria della a maglia rosa. La Cima Coppi, cioè il punto più alto raggiunto dal Giro d’Italia di quest’anno, sarà Colle dell’agnello, un valico alpino al confine piemontese tra Italia e Francia.

Leggi anche:  Fabio Aru non si ferma dopo la rinuncia al Tour, ma riparte dal Gp di Lugano

Il ciclista siciliano è il favorito numero uno dei bookmaker: sul suo successo si punta a 2,40 secondo Paddypower.it. Il principale avversario sarà Mikel Landa, terzo l’anno scorso e fortissimo in salita: lo spagnolo del Team Sky proverà a insidiare Nibali ed è vicinissimo nel pronostico, piazzato a 2,90.

Per quanto riguarda la copertura televisiva le immagini della 99° edizione del Giro d’Italia verranno distribuite ai quattro angoli del globo: saranno 184 i Paesi collegati con la Corsa Rosa, tramite 29 diversi network televisivi, 24 dei quali trasmetteranno in diretta. La Rai garantirà alla Corsa Rosa ampia copertura. Il racconto delle fasi live delle tappe sarà articolato in tre distinte trasmissioni: si comincia con “Prima diretta” su Rai Sport 1, per passare in simulcast anche su Rai 3 e Rai HD a “Giro in diretta” nella fascia oraria 15:10 – 16:15, che lancerà “Giro all’arrivo”, cronaca dell’ora finale di gara fino alle 17:15

  •   
  •  
  •  
  •