Cassani su Nibali: “Quello visto al Giro è lo squalo che mi serve a Rio”

Pubblicato il autore: Nunzio Corrasco Segui

Cassani

Cassani su Nibali: ecco lo squalo che mi serve
Vincenzo Nibali ha conquistato la novantanovesima edizione del Giro d’Italia e lo ha fatto al termine di una straordinaria rimonta, culminata nella penultima tappa di Sant’Anna di Vinadio. Per lo squalo è un grandissimo successo, arrivato al termine di tre settimane piene di critiche e di polemiche, alla conclusione delle quali però il ciclista siciliano ha dimostrato di essere un grande campione, riuscendo a compiere un’impresa straordinaria.
Al termine del Giro, Nibali ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni riportate da “Gazzetta.it”: “È stata un’emozione bellissima per tutto il percorso, e poi entrare sul circuito e vedere quella folla così numerosa è stato davvero indescrivibile. Ho dato uno sguardo per cercare di guardare tutti perché non volevo perdere l’attimo. Sono grandi emozioni che condivido con la mia famiglia che è partita ieri sera per venirmi a trovare. Ci sono state giornate che non abbiamo passato tanto bene. È facile giudicare e nascondersi dietro una tastiera, poi dipende come tutto viene raccontato. Prima della cronoscalata non ho detto che ho avuto problemi gastrointestinali perché non ho voluto dare degli assist ai miei avversari. Come affronterò il Tour? Intanto pensiamo a recuperare le energie. L’Olimpiade? È un percorso molto difficile, si correrà in cinque uomini, ci giochiamo tutto in giorno ma cercheremo di avere una grandissima squadra”.
Il trionfo di Nibali al Giro è importante anche in chiave Olimpiadi di Rio. Avere infatti uno squalo in forma, con la giusta preparazione e determinazione è fondamentale anche per il C.t. della Nazionale azzurra Davide Cassani. Proprio quest’ultimo, intervenuto  a “Radio Anch’io Sport“, ha commentato la grande vittoria conquistata dal ciclista siciliano e, come riportato da Gazzetta.it, ha dichiarato: “Un Nibali così è quello che mi serve per le Olimpiadi di Rio. Sono sorpreso dalla sua vittoria, pensavo che per lui il Giro fosse compromesso. Invece, le ultime due giornate di venerdì e sabato sono state semplicemente fantastiche. In quegli ultimi cinque chilometri della Lombarda abbiamo visto l’essenza del ciclismo: il secondo che doveva assolutamente staccare il primo, l’italiano che doveva riprendere in mano un Giro che sembrava cCassani Nibaliompromesso. È stato un Giro fantastico ed io da commissario tecnico sono assolutamente contento perché un Nibali così è quello che mi serve per Rio 2016“.
Cassani è inoltre convinto che in vista dei Giochi Olimpici di Rio, sia assolutamente consigliabile per Nibali partecipare al Tour de France, con l’obiettivo di aiutare Fabio Aru e rinforzare la chimica di squadra in vista della gara a cinque cerchi. Il Commissario tecnico è invece molto preoccupato per l’assenza di giovani italiani in rampa di lancio e non nasconde che le aspettative era sicuramente altre: “Nei primi venti della classifica generale c’è un solo under 30 azzurro, Pirazzi (18esimo, ndr). Mi aspettavo di più da Davide Formolo ma, oltre a Nibali, c’è solo Fabio Aru per le grandi corse a tappe”.
Insomma, per il C.T. Cassani, vi è una doppia sensazione: da un lato la grande soddisfazione per lo strardinario stato di forma di Vincenzo Nibali, dall’altro la preoccupazione per le giovani leve che tardano ad affermarsi.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Giro di Svizzera 2021, streaming e diretta tv in chiaro?