Giro d’Italia 2016, tappa 11: percorso, favoriti, diretta

Pubblicato il autore: romolo simonicca Segui

T15_MadonnaDC_2_alt

Smaltita l’euforia per il numero da fuoriclasse del giovanissimo Giulio Ciccone (Bardiani-Valvole), è la volta dell’undicesima tappa del Giro d’Italia 2016 che divide Modena da Asolo per un totale di 227 chilometri nel cuore della Pianura Padana. Tappa apparentemente pianeggiante, che ad occhi poco esperti potrebbe apparire terra di conquista per i velocisti. In realtà il finale della frazione presenta più di uno sperone sui quali le ruote veloci potrebbero non reggere ritmi esagerati. Dato l’andazzo delle tappe precedenti abbiamo tutte le carte in regola per aspettarcene delle belle.

I primi 200 chilometri della corsa odierna saranno completamente pianeggianti. Fino ai 27 dall’arrivo quando inizia la salita della Forcella Mostaccin, segnalata come Gran Premio della Montagna (GPM) di quarta categoria, ma che presenta rampe con pendenze del 16%, facendo segnare nell’arco dei 3,7 chilometri totali una pendenza media del 7,5. Non è finita, perché una volta in vetta si scende lungo una discesa abbastanza tecnica ed a 5 chilometri dal traguardo c’è lo strappo che porta nell’abitato di Asolo: Un chilometro al 7%. Diciamo che in una corsa tranquilla e controllata alcuni velocisti potrebbero anche riuscire ad arrivare a giocarsi la tappa, mentre una corsa tirata fin dall’inizio porterebbe ad un arrivo più ristretto.
I PRECEDENTI:
L’unica volta che la corsa rosa è arrivata ad Asolo a vincere fu niente popò di meno che Vincenzo Nibali. Era il 2010 quando lo squalo, allora gregario di Ivan Basso alla Liquigas, attaccò nella discesa del Monte Grappa e si presentò tutto solo al traguardo. Quest’oggi siamo di fronte ad una tappa completamente diversa, ma sulla carta altrettanto imprevedibile.
I FAVORITI:
Occhi puntati sui due grandi favoriti del giro: Nibali e Valverde potrebbero entrambi inventare qualcosa in un finale come questo. Il capitano dell’Astana è un grande discesista e potrebbe portare un attacco nella picchiata di Forcella Mostaccin, mentre il fuoriclasse murciano potrebbe tirare una rasoiata delle sue sulla rampa che porta ad Asolo. Da non sottovalutare corridori come Diego Ulissi e Tim Wellens, i quali hanno già dimostrato di avere la gamba dei giorni migliori in questo giro vincendo una tappa ciascuno. Il colpo del finisseur è comunque l’ipotesi più probabile per l’epilogo di una tappa del genere.
DIRETTA TV, DOVE VEDERE LA TAPPA:
La tappa sarà trasmessa a partire dalle 13:45 su Raisport 1, mentre Rai Tre inizierà la diretta alle 15:00 ed Eurosport alle 14:30. La Rai propone diverse trasmissioni di approfondimento al Giro: A partire dalle 11:45 c’è Giro Mattina con interviste ai protagonisti e curiosità sulla corsa e i luoghi di giornata. Subito dopo l’arrivo, verso le ore 17:15 parte il Processo alla tappa, con Alessandra De Stefano, Silvio Martinello, Andrea Pancani e Stefano Garzelli che insieme ai loro ospiti analizzano nel dettaglio l’andamento della giornata. In serata gli appassionati avranno modo di continuare a seguire il Giro con le trasmissioni TGiro e Giro Notte rispettivamente in onda alle 20:00 ed alle 00:30.

Leggi anche:  Fabio Aru parla del suo malessere. E ora che cala il sipario, si alzi il rispetto

CLASSIFICA GENERALE:
1. Bob Jungels (LUS) 40h 19’52”
2. Andrey Amador (CRC) a 0’26”
3. Alejandro Valverde (SPA) a 0’50”
4. Steven Kruijswijk (OLA) a 0’50”
5. Vincenzo Nibali (ITA) a 0’52”

MAGLIE:
ROSA (classifica generale): Bob Jungels
ROSSA (classifica a punti): Andrè Greipel
AZZURRA (classifica scalatori): Damiano Cunego
BIANCA (classifica giovani): Bob Jungels

  •   
  •  
  •  
  •