Giro d’Italia, Valverde: “La 10ª tappa è fondamentale”

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui

valverde
Il Giro d’Italia entra nel vivo.
La 99ª edizione della corsa a tappe italiana riprende dopo i tre giorni di riposo con una settimana che si annuncia cruciale per la maglia rosa: oggi il Giro riprende con la 10ª tappa di 219 chilometri, con partenza da Campi Bisenzio e arrivo a Sestola.
In cima alla classifica Gianluca Brambilla della Etixx dovrà guardarsi le spalle dal compagno di squadra Bob Jungels che insegue ad 1 solo secondo di distacco. Tutti però aspettano i corridori più attesi come Vincenzo Nibali Alejandro Valverde.
Lo spagnolo della Movistar, 6° in classifica a 55” di distacco dalla maglia rosa, ha rilasciato le sue sensazioni in un’intervista alla ‘Gazzetta dello Sport’, dove traccia un primo bilancio della corsa e indica i favoriti alla vittoria finale.

INIZIO POSITIVO – La pausa arrivata dopo le prime 9 tappe è il momento giusto per le prime impressioni di Valverde, dichiaratosi sicuramente positivo del suo rendimento e di quello del suo team:
Siamo dove volevamo essere: siamo molto vicini al podio, un ciclista della squadra (Andrey Amador) è tra i primi tre e i rivali più forti come Nibali e Krujswijk sono distanti appena 2 e 4 secondi, quindi il distacco è minimo. Poi dietro ci sono Dumoulin e Landa.
Il Giro d’Italia è una corsa fenomenale, con un po’ di tensione, com’è normale che sia in un grande giro: fino ad ora è andato tutto bene, sono contento. Nella prima settimana si è visto un po’ di tutto: sprint eccitanti, un po’ di montagna anche se non troppo dura e lo sterrato, dove si sono visti i corridori favoriti.

SU IN MONTAGNA – La 10ª tappa del Giro d’Italia da Campi Bisenzio a Sestola vuol dire iniziare a salire sulle montagne prima di approdare sulle Dolomiti:
“Quella di oggi è una tappa chiave, molto importante perchè arriva dopo il giorno di riposo e il riposo è sempre particolare. Ci aspetta una tappa lunga e dura. Verso il finale c’è la discesa dal Pian del Falco, che arriva dopo un gpm di prima categoria con una salita che tocca il 9% e riprende a salire fino al traguardo, un gpm di terza categoria. E’ una tappa da tenere particolarmente in considerazione, soprattutto con i chilometri che abbiamo sulle gambe. Sarà comunque una battaglia, è una tappa dura come quella di sabato prossimo a Corvara con 5300 metri di dislivello”.

I RIVALI – Valverde ha le idee chiare sui favoriti alla vittoria finale.
“Senza dubbio Dumoulin ha molte chance, è lontano dal leader soltanto 58 secondi. E’ vero, in qualche occasione ha mostrato dei limiti, ma non sappiamo se sia incappato in una giornata storta oppure non si è davvero preparato per le tappe di alta montagna come ha detto. Ma lo scopriremo presto”.
Poi ne ha per Landa, capitano di Sky, e per l’italiano Nibali:
“Landa mi ha sorpreso a metà, perchè era una crono ondulata, con molte curve, con molti cambi di ritmo che si prestava bene alle sue caratteristiche. Ha comunque corso una grande crono, nonostante la pioggia abbia diminuito la velocità. Credo che anche Nibali abbia corso una buona crono, condizionata dalla pioggia

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Campionati Italiani, vince Colbrelli. Bene Nibali. Si ritira Fabio Aru. Le dichiarazioni