Il Giro d’Italia 2016 parte da Apeldoorn. Ci sarà anche il Re

Pubblicato il autore: francesco agostini Segui

Giro d'Italia
Il Giro d’Italia del 2016 partirà dall’Olanda, ad Apeldoorn, e si preannuncia un’ inaugurazione davvero con i fiocchi. Innanzitutto, il rosa ha letteralmente inondato la città dei Paesi Bassi con le sue case, le sue  vetrine e gli addobbi; in più molti parrucchieri hanno offerto spontaneamente di tingere i capelli di rosa ai passanti. Insomma, il Giro d’Italia ha invaso ogni aspetto di Apeldoorn, una tranquilla città di 155 mila abitanti molto vicina ad Amsterdam. La competizione partirà dall’Omnisport, il grande impianto al cui interno è presente il velodromo che cinque anni fa fece da scenario ai Mondiali su pista. L’arrivo sarà al centro della città dopo 9,8 chilomteri di crono; sabato e domenica tra Arnhem e Nijmegen per poi spostarsi al sud della penisola. Il programma del Giro d’Italia del 2016 è quindi ricco e pieno di aspettative.
Non solo, però: la partenza olandese si arricchisce anche della presenza del Re, da sempre appassionato di sport e con il ciclismo nel sangue. Guglielmo Alessandro, sul trono dal 2013, presenzierà l’inaugurazione del Giro d’Italia del 2016, incoraggiando per primo la speranza locale, il ciclista Tom Dumoulin; la speranza (molto flebile) è quella che possa addirittura trionfare. In seguito saluterà la maggiore squadra olandese, la LottoNL e stringerà la mano al primo leader della corsa. Insomma, il cerimoniale del Re sarà completo. Non dimentichiamoci che Guglielmo Alessandro non è nuovo a imprese del genere: è, infatti, membro onorario del Comitato Olimpico Internazionale ed ha partecipato, in incognito, alla maratona di New York.

Leggi anche:  Dumoulin, il futuro dopo le Olimpiadi di Tokyo

Cancellara punta al Giro d’Italia

Il Giro d’Italia del 2016 si prospetta come ricco di sorpese. Il ciclista più vincente dei 198 che parteciperanno è senza ombra di dubbio Vincenzo Nibali, ma nessuno parte battuto in partenza. Una vecchia gloria, pronta e caricata a molla è, ad esempio, Fabian Cancellara, trentacinque anni. La voglia di vincere è tanta:
La maglia rosa è la più speciale di tutte le maglie che ci sono nel ciclismo. Per il colore: che ti spiazza, è un po’ insolito. Ma bello. Per la storia che si porta dentro. Coppi e Bartali sono un’altra cosa rispetto, per esempio, ad Anquetil e Polidor. In Italia, poi, c’è una passione unica.” (La Gazzetta dello Sport)
È di oggi, comunque, la notizia che Fabian Cancellara si è svegliato con la febbre. A quanto pare la temperatura è stabile sui 38, anche se la sua presenza ad Apeldoorn e al Giro d’Italia pare non essere in dubbio.
Il team manager Luca Guercilena ha detto:
Andrà studiato come fare il riscaldamento domani, ma certamente Fabian, a meno che la febbre non salga a 40 o oltre, partirà nella crono e darà il massimo.” (La Gazzetta dello Sport)
Fabian Cancellara, comunque, ha rassicurato i tifosi:
Dopo l’allenamento di ieri, problemi allo stomaco e febbre mi costringono a letto stamattina. Ma adesso riposo e resto positivo in vista della cronometro di domani.” (La Gazzetta dello Sport)
Dunque, tutto è pronto per questo Giro d’Italia 2016. La partenza ad Apeldoorn (terza volta in Olanda) e la presenza del Re Guglielmo Alessandro saranno solo un eccellente antipasto. Una cosa è certa: ne vedremo delle belle.

  •   
  •  
  •  
  •