Ciclismo, Campionati Italiani: Nizzolo vince il tricolore a Darfo Boario. Ecco l’ordine d’arrivo

Pubblicato il autore: Mattia Emili Segui


 campionati italiani ciclismoCICLISMO, CAMPIONATI ITALIANI: GIACOMO NIZZOLO SUCCEDE A NIBALI IN MAGLIA TRICOLORE, BATTUTO BRAMBILLA IN VOLATA

Il 27 enne della Trek, Giacomo Nizzolo, è il nuovo Campione d’Italia pro su strada: a Darfo Boario (provincia di Brescia) il ciclista milanese si è infatti imposto in volata su Gianluca Brambilla della Etixx-Quick Step, al culimine di un attacco sferrato a circa 3 km durante l’ultimo strappo di ascesa. L’ultimo gradino del podio se lo è aggiudicato Filippo Pozzato, che ha preceduto a sua volta in volata il gruppetto di cui faceva parte. Nizzolo succede così a Vincenzo Nibali (assente in questa edizione e detentore del titolo per 2 anni consecutivi) nell’albo d’oro della manifestazione nazionale ed ora potrà fregiarsi della maglia tricolore per il prossimo anno. Per il lombardo della Trek si tratta della prima affermazione nei campionati italiani, la quarta nel 2016 e la quattordicesima in carriera da professionista. Vediamo ora come si è svolta la gara e quali sono state le fasi salienti della corsa di Darfo Boario Terme.

CAMPIONATI ITALIANI CICLISMO, LA CRONACA DEI 228 CHILOMETRI CHE HANNO PORTATO NIZZOLO ALLA GLORIA

Era una gara sulla carta adatta sia ai velocisti che agli attaccanti, a causa della salita del Cormaleto a 4 km dalla fine: così Giacomo Nizzolo non ha aspettato l’arrivo in volata, ma ha cercato di creare scompiglio tra il suo gruppetto, con lo scopo di fare la cosiddetta “selezione” prima dell’arrivo. Importante è stata anche la discesa finale, nella quale il 27 enne della Trek Segafredo ha raggiunto Brambilla, leggermete distaccato. Fin dalla partenza si è registrato un tentativo di fuga da parte di alcuni corridori (Cecchinel, Leone, Tonelli e Scartezzini) che già intorno al 25esimo chilometro avevano accumulato un vantaggio di oltre 6 minuti sul gruppo. Lo stesso plotone, formato dai velocisti ha cominciato a ridurre pian piano il gap dai fuggitivi fino al completo ricongiungimento nel corso del secondo giro (dei 4 totali previsti) del circuito finale. Dopo alcuni tentativi vani di allungo, il momento spartiacque della corsa è arrivato sul muro del Cormaleto, dove Gatto, Moscon, Brambilla e Nizzolo hanno messo il piede sull’acceleratore. Da li in poi la lotta per la vittoria è stata a 2, con il ciclista della Trek Segafredo che ha dovuto ricucire nell’ultima discesa lo strappo che si era creato con Brambilla. Poi la volata finale, con Nizzolo che riscatta una stagione che lo aveva spesso visto sulla piazza d’onore e non su quella del vincitore.

CAMPIONATI ITALIANI CICLISMO, LE PAROLE DI NIZZOLO-Ecco le parole del vincitore a fine gara: “E’ stata un’emozione indescrivibile, non ero mai riuscito a vincere un Campionato Italiano e farlo davanti a tutta la gente venuta apposta per darmi la carica mi dà una gioia ancora maggiore. Quando ho capito che avrei potuto vincere? Sinceramente soltanto nel corso dell’ultimo chilometro, quando mi sono reso conto che tra me e Brambilla ed il resto del gruppo si era creato un buon margine”.

CAMPIONATI ITALIANI CICLISMO, DARFO BOARIO TERME: L’ORDINE DI ARRIVO:
1) Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo)

2) Gianluca Brambilla (Etixx-Quick Step)
3) Filippo Pozzato (Wilier Triestina-Southeast)
4) Damiano Caruso (BMC)
5) Gianni Moscon (Team Sky)
6) Francesco Gavazzi (Androni Giocattoli Sidermec)
7) Oscar Gatto (Tinkoff)
8) Diego Rosa (Astana)
9) Davide Formolo (Cannondale)
10) Enrico Battaglin (Team LottoNL-Jumbo)

  •   
  •  
  •  
  •