Tour de France 2016, scelto lo squadrone del Team Sky da affiancare a Froome

Pubblicato il autore: Emiliano Rota Segui

chris-froome

TEAM SKY: Fatto il Team Sky per il Tour de France, che scatta sabato sabato 2 luglio da Mont Saint Michel. Ad aiutare il leader unico Chris Froome nell’assalto al terzo successo consecutivo nella Grande Boucle contro Contador, Quintana, Van Garderen, Pinot, Aru e compagnia, ci sarà un vero e proprio squadrone, con Mikel Landa, il grande deluso del Giro, gli altri scalatori Mikel Nieve e Sergio Henao, oltre a Wout Poels, Luke Rowe, il campione del mondo a cronometro Vasil Kiriyenka, Ian Stannard e Geraint Thomas.

LOTTO NL-JUMBO: Annunciata anche la formazione della Lotto NL-Jumbo, con una sorpresa, peraltro sino a un certo punto: tra i nove titolari manca infatti quello che nei piani di inizio stagione avrebbe dovuto essere la punta, Robert Gesink, sesto lo scorso anno, che aveva dato segnali negativi sulle sue condizioni ritirandosi nella seconda tappa del Giro di Svizzera. Uomo classifica sarà quindi Wilco Kelderman, 7° al Giro d’Italia 2014. Con lui: George Bennet, Dylan Groenewegen, Bert-Jan Lindeman, Paul Martens, Timo Roosen, Sep Vanmarcke, Robert Wagner, Maarten Wynants.

LAMPRE-MERIDA: In casa Lampre-Merida i direttori sportivi Philippe Mauduit e Mario Scirea, coadiuvati da Daniele Righi, potranno contare su questa formazione: Yukiya Arashiro (Giappone), Matteo Bono, Davide Cimolai, Rui Costa (Portogallo), Kristijan Durasek (Croazia), Tsgabu Grmay (Etiopia), Louis Meintjes (Sud Africa), Luka Pibernik e Jan Polanc (Slovenia). Le riserve sono Mattia Cattaneo e Mario Costa. Sono sette le nazioni rappresentate nella Lampre-Merida (Croazia, Etiopia, Giappone, Italia, Portogallo, Slovenia e Sud Africa), 3 i continenti (Africa, Asia ed Europa). L’età media della selezione blu-fucsia-verde è di 26,6 anni. Ben tre gli esordienti: Pibernik, Polanc e Grmay, il quale entrerà nella storia della corsa come il primo ciclista d’Etiopia a partecipare al Tour de France, dopo essere stato il primo al via del Giro lo scorso anno. Arashiro ha già invece segnato nel 2009 due primati, essendo stato il primo ciclista giapponese a entrare in una top 5 di tappa del Tour de France e a terminare la Grande Boucle. Rui Costa e il giovane Mentijes saranno le punte per la classifica.

ETIXX-QUICK STEP: La Etixx-Quick Step ha intanto ufficializzato la presenza di Marcel Kittel. Il velocista tedesco, vincitore di 8 tappe tra il 2013 e il 2014, sarà affiancato dal pistoiese Fabio Sabatini e dall’argentino Maximiliano Richeze, i due uomini fondamentali per il suo treno. Sicura anche la presenza del francese Julien Alaphilippe, al debutto, del cronoman tedesco Tony Martin e dello scalatore irlandese Daniel Martin.

KATUSHA;  In casa Katusha, invece, la notizia è la convocazione tra i 9 titolari anche di Ilnur Zakarin. Il russo era rimasto coinvolto in una paurosa caduta all’ultimo Giro d’Italia dopo 115 km nella discesa dal Colle dell’Agnello nella quale si ruppe la clavicola dopo aver fatto temere il peggio. Faranno parte del team russo anche Jacopo Guarnieri, Marco Haller (Austria), Alexander Kristoff (Norvegia), Joaquim Rodríguez, Angel Vicioso e Alberto Losada (Spagna), Michael Mørkøv (Danimarca) e Jurgen Van den Broeck (Belgio).

BORA ARGON 18:  C’è anche il trentino Cesare Benedetti nel team tedesco Bora-Argon 18 al via del Tour. Con lui, al debutto nella corsa a tappe francese, Shane Archbold (N. Zelanda), Jan Bárta (Rep. Ceca), Sam Bennett (Irlanda), Emanuel Buchmann (Germania), Bartosz Huzarski (Polonia), Patrick Konrad (Austria), Andreas Schillinger (Germania) e Paul Voss (Germania).

IAM: Pure il team elvetico Iam ha reso nota la lista dei nove che saranno al via da Mont-Saint-Michel il prossimo 2 luglio: Jarlinson Pantano (Colombia), Oliver Naesen (Belgio), Sondre Holst Enger (Norvegia), Reto Hollenstein (Svizzera), Mathias Frank (Svizzera), Martin Elmiger (Svizzera), Stef Clement (Olanda), Jerome Coppel (Francia) e Dries Devenyns (Belgio).

  •   
  •  
  •  
  •