Giro di Lombardia 2016: presentazione del percorso, arrivo a Bergamo e tanta salita!

Pubblicato il autore: riccardo seghizzi Segui

Giro di Lombardia 2016
Sabato 1° Ottobre prende il via la classica di fine stagione, il Giro di Lombardia.
Presentato ieri il percorso dell’edizione numero 110 della corsa lombarda.
Arrivo posto a Bergamo con partenza da Como, partenza e arrivo al contrario rispetto alla passata edizione, 240 chilometri per la classica delle foglie morte 2016.


PERCORSO
Prima parte della corsa che vedrà tanta pianura padana con due acuti a rompere la monotonia altimetrica.
La famosissima ed immancabile scalata del Ghisallo, simbolo di questa corsa, e il Colle Brianza. Dal chilometro 130 circa la musica cambia.
Valico di Valcava, Berbenno e Sant’Antonio Abbandonato come antipasti, prima dei 58 chilometri mancanti all’arrivo bergamasco.
Seguiranno poi, senza un metro di pianura, il Miragolo San Salvatore e il Selvino. Due salite dalle pendenze abbordabili ma che con tutta probabilità faranno male.
Arrivati a Nembro, i ciclisti afronteranno 11 chilometri di pianura, che li porterà all’ultimo strappo di Bergamo Alta, più di un chilometro all’8% di pendenza, con la sua seconda parte caratterizzata dall’insidiosissimo pavè.
In cima mancheranno 3400 metri all’arrivo, discesa e circa mezzo chilometro in pianura, per arrivare al traguardo del Sentierone.
Dislivello totale della corsa di 4400 m, piuttosto alto considerando che il 65% di questo dislivello è affrontato negli ultimi 115 km.


SQUADRE
Alla partenza da Como, saranno 25 le formazioni a prendere parte a questo Giro di Lombardia.
Otto corridori per ciascuna squadra, 18 i team UCI WorldTeams mentre 7 sono le wild card UCI Professional Continental Teams.


Appuntamento, quindi, da non perdere. Lo spettacolo è assicurato, ancor più da questo percorso straordinario, molto duro ed affascinante.
Una delle corse da un giorno più dure di tutto il panorama ciclistico non può che riservarci grandi emozioni. Giro di Lombardia da non perdere il 1° Ottobre 2016.

  •   
  •  
  •  
  •