Ciclismo, Le Iene rispondono a Vincenzo Nibali

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Nibali

Vincenzo Nibali era stato al centro di un servizio mostrato dalle Iene in diretta tv su Italia Uno. Nel servizio si metteva in discussione un test antidoping, secondo il ciclista Reda, mai eseguito da Nibali che faceva gridare allo scandalo e al doping. La questione è poi stata smentita subita dal ciclista Vincenzo Nibali che sui social, aveva pubblicato il risultato del famoso test antidoping incriminato. A distanza di qualche giorno è arrivata la risposta anche delle Iene. Infatti, le Iene sono tornate sul servizio di Nibali e le dichiarazioni accusatorie fatte da Francesco Reda. Le Iene hanno precisato di aver chiesto a Nibali di fare un’intervista, ma pare lui si sia rifiutato. La Iena De Giuseppe ha parlato durante il servizio, di orari falsati mostrando parti di articoli di giornale della Gazzetta dello Sport così recitanti:  “Reda e Nibali hanno finito alle 18.45, Zilioli ci ha messo tre ore e 45′, alle 20.01, senza possibilità di scegliere le provette come previsto dal regolamento”. Il ciclista dell’Astana, tramite il suo legale, ha dichiarato di aver fatto il test “dopo il podio in piena regolarità e trasparenza. Se gli altri hanno avuto problemi, non ci riguarda”.
La iena ha anche precisato che il suo servizio non vedeva al centro dell’attenzione Nibali, ma la metodologia del controllo antidoping e ha dichiarato che l’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani ha minacciato la trasmissione di ulteriore querela sul servizio mandato in onda dove veniva citato il Dott. Torri.  L’Associazione ha poi ritirato la causa e pagato parte delle spese legali. Ma per quanto riguarda la frase: “tutti i ciclisti che ho interrogato hanno detto che si dopano”, Torri ha dichiarato: “è rimasto tutto uguale. Io non recedo certo, forse ho sbagliato a dire un termine che non dovevo dire. Che tutti erano dopati, magari tutti no, ma il 99%…”. Ricordiamo che Nibali ha già denunciato sia le Iene, sia Francesco Reda.

 

  •   
  •  
  •  
  •