Mondiali Doha 2016, crono U23: Oro a Mathis, male Ganna

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui
Mondiali Doha 2016

Max Schachmann, Marco Mathis e Miles Scotson sul podio.

E’ Marco Mathis (Germania) ad aggiudicarsi l’oro nella cronometro individuale riservata agli uomini Under23 ai Mondiali Doha 2016. Il tedesco ha infatti coperto i 28,9 km del percorso (due giri del circuito di Pearl Qatar) in 34’08″09, alla media oraria di 50,799 km/h, lasciandosi alle spalle il connazionale Max Schachmann, staccato di 18″63, e l’australiano Miles Scotson, terzo a 37″98 nonostante i crampi che lo hanno colto in gara. Male gli italiani Filippo Ganna, attesissimo dopo l’argento ai recenti Europei di Plumelec, che ha chiuso al 14° posto (+1’37″13) ed Edoardo Affini, giunto 20° a 1’59″53 dal vincitore di giornata.

Mathis, vittoria da brividi

Per il ventiduenne tedesco di Tettnang, già campione nazionale su pista nell’inseguimento individuale e nell’inseguimento a squadre, si tratta del primo grande successo in campo internazionale su strada, raggiunto al termine di una prestazione da brividi, nel vero senso della parola, visto che durante la prova ha dovuto superare un’ambulanza ed un Suv adibito a mezzo di soccorso che intralciavano il percorso.
Secondo a partire questa mattina (ore 10.31), Mathis è stato il primo a raggiungere il traguardo, segnando un tempo che fin da subito è apparso importante: «È stata davvero una attesa lunghissima. Sapevo che questo era il mio percorso, completamente piatto e tecnico: non potevo sprecare l’occasione, per cui sono andato a tutta senza pensare a niente.  Ci speravo, sognavo questa vittoria ma non pensavo di riuscire a conquistare la medaglia d’oro. Semplicemente questa per me è stata la giornata perfetta, farò un poco di festa stasera».

Italia, delusione con Ganna e Affini

Se per la Germania è stata dunque una giornata di grazia, con la tripletta sfumata di un soffio a causa del quarto posto di Kamna, campione europeo U23 a crono e grande favorito di giornata, per l’Italia è stata una delusione, come si capisce dalle parole dei nostri due portacolori al termine della gara:«Niente da dire, non avevo la gamba dei giorni migliori. Mi spiace per tutti, soprattutto per quelli che mi vogliono bene, è andata così, niente da recriminare. Nel finale sono andato in crescendo ma ormai era impossibile recuperare”- ha dichiarato Filippo Ganna, che oggi purtroppo non è mai riuscito ad avvicinarsi al tempo del teutonico. – “A quel punto l’obiettivo era quello di entrare almeno nei primi dieci, ma la stanchezza e il gran caldo hanno fatto la differenza. Ringrazio comunque la Colpack e la Nazionale Italiana per avermi dato la possibilità di correre un altro mondiale purtroppo per me andato storto. Ora guardo al futuro e all’esordio tra i professionisti (l’anno prossimo correrà per la TJ Sport Lampre, ndr)».
L’altro azzurro Edoardo Affini, invece, ha dato voce a tutta la sua amarezza attraverso il suo profilo Facebook: «Un’altra esperienza se n’è andata… il mondiale a cronometro di Doha… Ci speravo da gennaio e, dopo una stagione travagliata, all’ultimo momento sono riuscito a guadagnarmi la fiducia del CT. Mi sentivo bene nelle ultime due settimane ed ero fiducioso di poter fare una buona prestazione: invece ad un’ora della partenza scopro che la mia bici non è omologata e mi tocca partire con quella di scorta, che purtroppo ha misure diverse e una posizione che non mi ha consentito di esprimermi al meglio. Mi prendo la piena responsabilità di questa “cazzata” e voglio chiedere scusa alla nazionale, perché mi sembra di aver tradito la loro fiducia.. Grazie comunque a chi mi ha supportato veramente durante tutto il 2016!»

Mondiali Doha 2016: crono uomini Under 23, ordine d’arrivo

Rank Name UCI Code Team Result
1 MATHIS Marco GER19940407 GERMANY 34:08.09
2 SCHACHMANN Maximilian GER19940109 GERMANY +18.63
3 SCOTSON Miles AUS19940118 AUSTRALIA +37.98
4 KAMNA Lennard GER19960909 GERMANY +42.30
5 ASGREEN Kasper DEN19950208 DENMARK +50.58
6 POWLESS Neilson USA19960903 UNITED STATES OF AMERICA +54.17
7 CURRAN Geoffrey USA19951020 UNITED STATES OF AMERICA +1:05.45
8 BOHLI Tom SUI19940117 SWITZERLAND +1:16.24
9 DUNBAR Eddie IRL19960901 IRELAND +1:21.59
10 SCOTSON Callum AUS19960810 AUSTRALIA +1:22.30
11 DE BOD Stefan RSA19961117 SOUTH AFRICA +1:22.63
12 COWAN Alexander CAN19961119 CANADA +1:26.26
13 CAVAGNA Remi FRA19950810 FRANCE +1:28.04
14 GANNA Filippo ITA19960725 ITALY +1:37.13
15 DIBBEN Jonathan GBR19940212 GREAT BRITAIN +1:38.31
16 MACKINNON Sean CAN19951124 CANADA +1:43.86
17 PEDERSEN Mads DEN19951218 DENMARK +1:50.79
18 SCHAPPI Martin SUI19961212 SWITZERLAND +1:53.53
19 ERMENAULT Corentin FRA19960127 FRANCE +1:58.40
20 AFFINI Edoardo ITA19960624 ITALY +1:59.53
  •   
  •  
  •  
  •