Nibali Cipollini, quando gli opposti non si attraggono…

Pubblicato il autore: francesco agostini Segui

Nibali Cipollini
La vibrante polemica tra Mario Cipollini e Vincenzo Nibali sta movimentando sempre di più questo momento relativamente tranquillo per il ciclismo. Alle dichiarazioni ‘shock’ del Re Leone è presto seguita la risposta di Vincenzo Nibali, affidata a Twitter, oramai unico portavoce per le dichiarazioni istantanee dei vip di ogni genere. Ma andiamo con ordine e riepiloghiamo tutti i fatti dell’accesa polemica Nibali Cipollini.

Nibali Cipollini: due modi diversi di intendere il ciclismo

Tutto era iniziato qualche giorno fa con le dichiarazioni estremamente dirette del Re Leone, alias Mario Cipollini. Ecco che cosa aveva detto, candidamente, uno dei velocisti più forti della storia di questo sport:
Se ha vinto Van Avermaet è perché Nibali non ha saputo gestire la corsa quando si è trovato con Majka e Henao. Sarebbe bastato offrire un po’ di soldi a Henao per occuparsi di Majka e l’affare sarebbe stato fatto. Henao è solo un gregario, per lui non avrebbe cambiato nulla vincere le Olimpiadi. Non si sarebbe trattato di comprare la vittoria, ma soltanto l’accordo con Henao. Nibali ha invece scelto la strategia peggiore ha preferito provare a staccare i compagni di fuga nel tratto di discesa peggiore, in cui la strada era ripida, scivolosa e si correva in mezzo agli alberi. In questo modo è stato fatto il gioco di Van Avermaet, che è stato bravo a gestire il vantaggio e a mettersi l’oro al collo.” (www.supereva.it)

Leggi anche:  Ciclomercato 2022, Ineos Grenadiers vuole Nibali? L'indiscrezione

Nibali Cipollini, chi ha ragione?

Ascoltate queste parole, il mondo del web, ma anche i colleghi di Vincenzo Nibali si sono sollevati in coro per l’indignazione. Molti hanno ritenuto le frasi di Mario Cipollini irriguardose verso un’integrità sportiva che, almeno di facciata, si dovrebbe sempre mantenere. La realtà dei fatti, però, è ben altra. Chi conosce il mondo del ciclismo sa alla perfezione che questa tipologia di accordi ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Che lo scambio avvenga tramite pecunia (come auspicato da Mario Cipollini) o tramite altri tipi di baratto come, ad esempio, il favorirsi a vicenda in altre tappe, è un fatto estremamente comune nel mono del ciclismo. Non molto tempo fa il corridore Oscar Pereiro ha ammesso pubblicamente di aver perso di proposito una tappa al Tour de France ‘invogliato’ da George Hincapie.
Insomma, voler affermare che Mario Cipollini sia stato inadeguato nelle sue dichiarazioni equivale forse a nascondersi dietro a un dito, in un modo o nell’altro. Vincenzo Nibali, però, pare essersi ‘scioccato’ al sentire tali parole perché, su Twitter, ha cinguettato:
Sono perplesso!! Leggendo alcuni articoli di ciclismo credo che bisogna usare in maniera più saggia la libertà di pensiero!!!
Al di là delle dichiarazioni di rito, pare alquanto improbabile che un ciclista dalla grande esperienza di Vincenzo Nibali possa essere perplesso per un fatto normale (anche se fortemente antisportivo, per carità) inerente al mondo delle due ruote. Dunque, se in amore vige la regola che gli opposti si attraggono (anche se spesso va a finire male), ciò non si può proprio dire per l’accoppiata Nibali Cipollini: due personaggi che sono agli antipodi e che… preferiscono rimanere tali.

  •   
  •  
  •  
  •