Nibali contro Le Iene? il campione siciliano pubblica su Twitter il test antidoping incriminato

Pubblicato il autore: romolo simonicca Segui
vincenzo-nibali-vittoriatappa-dedica

Nibali contro Le Iene

Nibali contro le Iene? “Io sono pulito”

“I miei controlli sono regolari i problemi sono per i diffamatori!”. Questo è quanto si legge sui profili Facebook e Twitter di Vincenzo Nibali, probabilmente in risposta alla nota trasmissione televisiva che nei giorni scorsi aveva suscitato dubbi circa la sua vittoria al Campionato Italiano 2015. Ad accompagnare i Tweet del campione siciliano, una foto raffigurante il documento dell’antidoping datato 27 giugno 2015. Trattasi proprio del controllo relativo alla gara oggetto della polemica. Il post ha suscitato l’approvazione da parte dei fan dello Squalo sui social network con migliaia di like e commenti di sostegno ad un atleta che ha sempre fatto della credibilità il suo marchio di fabbrica. La dura replica di Nibali avrà quasi certamente un seguito nelle prossime puntate della trasmissione televisiva e dunque la polemica non sembra vicina all’epilogo.

Leggi anche:  Fabio Aru verso l'annuncio della sua nuova squadra
Cu7Bi1KWcAIa59_

Nibali contro Le Iene: ecco la foto dell’antidoping

Nibali contro Le Iene: ecco come nasce la polemica

Le Iene, pur non diffamando direttamente Nibali, lasciano qualche dubbio circa la sua credibilità sportiva. Tutta la polemica nasce dall’intervista di Francesco Reda, secondo alle spalle dello Squalo al Campionato Italiano 2015. Dopo quell’arrivo di Torino, sia Nibali che Reda furono sottoposti al controllo antidoping, con quest’ultimo che risultò positivo all’EPO. Durante l’intervista, il ciclista calabrese afferma che in quell’occasione il controllo antidoping di Nibali fu alquanto inusuale in quanto durò solo pochi minuti. Per quella positività all’antidoping Reda fu squalificato fino al 2023, ma ha sempre sostenuto di essere stato incastrato.
Ora non è dato sapere se la risposta di Nibali sia rivolta esclusivamente al ciclista cosentino oppure anche alla trasmissione televisiva. Fatto sta che quest’ultima, continua imperterrita a gettare fango su uno sport che sta cercando di riscattarsi, intervistando ad ogni puntata personaggi alquanto discutibili. Per questo, la risposta stizzita di Nibali, può essere interpretata come un atto d’accusa ad un certo modo di fare informazione televisiva.

  •   
  •  
  •  
  •