Tutto sui Mondiali Ciclismo Doha 2016: Programma, Percorsi, Favoriti e Dirette

Pubblicato il autore: Luca Santoro Segui
Peter Sagan, Campione del Mondo uscente, non sarà al via ai Mondiali Ciclismo Doha 2016. Campionati del Mondo Richmond 2015 - Road World Championship 2015 - Strada Uomini Elite 261,4 km - 27/09/2015 - Peter Sagan (Slovacchia) - foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2015

Peter Sagan, Campione del Mondo uscente, anche lui al via ai Mondiali Ciclismo Doha 2016.
Foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2015

Da domenica 9 ottobre sino al 16 il Qatar ospiterà il Mondiale Doha 2016 di ciclismo su strada, l’evento che corona un anno di gare. Sarà la prima volta che un Paese del Medio Oriente (e seconda se consideriamo l’intera Asia dopo il Giappone nel 1990) ospiterà la kermesse iridata che coinvolgerà ben 1000 corridori dalle varie categorie provenienti da 75 nazioni. Vediamo i dettagli di un evento che metterà a dura prova la tempra dei velocisti.

Il Percorso dei Mondiali Ciclismo Doha 2016 (a rischio taglio?)

Il percorso (prova su strada) dei Mondiali Ciclismo Doha 2016 previsto per gli uomini élite

Il percorso (prova su strada) dei Mondiali Ciclismo Doha 2016 previsto per gli uomini élite


Ne avevamo parlato su queste pagine poco tempo fa
: il percorso del Mondiale Doha 2016 riservato agli uomini élite ha subito dei cambiamenti rispetto a come era stato inizialmente progettato, privilegiando così il tratto nel deserto rispetto al circuito finale nella zona di Doha ridotta da otto giri a sette. Tuttavia è probabile che i cambiamenti non siano finiti, questa volta a causa delle condizioni meteo: in ottobre, infatti, le temperature nel pianeggiante Qatar – il cui clima è desertico e nei mesi caldi molto afoso –  raggiungono massime anche di 35 gradi, per non parlare del disagio notturno dovuto all’alto tasso di umidità. Per questo motivo dalle parti della Commissione tecnica di gara si sta ragionando su un eventuale taglio del percorso, sacrificando la parte desertica in favore del circuito di Doha. Il risultato potrebbe portare la lunghezza della corsa dagli attuali 257,5 km a 150 km, complicando non poco le tattiche e strategie di gara messe a punto dai tecnici delle varie nazionali.
In attesa di novità, vediamo il percorso fin qui confermato della prova in linea maschile: come abbiamo visto, salvo imprevisti, si tratta di una competizione di 257,5 km completamente in piano e perciò, in via teorica, adatta ai velocisti. Il tracciato é  idealmente diviso in due parti: i 150 km nel deserto e il circuito nella sontuosa isola artificiale “The Pearlnella costa ovest di Doha, 15,2 km da ripetere sette volte prima del traguardo finale.
Considerando il percorso pianeggiante e senza asperità, quasi sicuramente l’unico elemento che potrà conferire imprevedibilità alla gara sarà il vento, che nei primi 150 km potrebbe costringere le squadre a disporsi a ventaglio, mettendo a prova le strategie di gara imposte dai ct. Le curve (ma anche i tratti in pavé, i restringimenti, le rotatorie, le inversioni a U, come ha notato Manuel Quinziato in una dichiarazione resa alla Gazzetta dello Sport) del circuito cittadino, invece, potrebbero imporre una selezione sui singoli corridori casomai non ci fosse una possibile volatona di gruppo o i treni si facciano prendere alla sprovvista: i finisseur dovranno dimostrare di avere le gambe per staccare gli avversari, al contrario in caso di bagarre per la volata finale occhio alle cadute che potrebbero scaturire dalla conformazione delle strade.

La prova in linea femminile (categoria Elite)

Il percorso mondiale per la prova femminile élite su strada

Il percorso mondiale per la prova femminile élite su strada

Lunga 134, 5 km, la gara riservata alle atlete élite si concentrerà all’interno della città di Doha, con la partenza fissata nella zona della Education City , in prossimità della sede della Qatar Foundation. Anche le donne, dopo i primi 28 km, raggiungeranno la baia ovest dove si trova il circuito conclusivo The Pearl, che dovranno percorrere sette volte prima di tagliare il traguardo.

La prova in linea per le altre categorie

Le categorie dei giovani di ambo i sessi affronteranno esclusivamente il tracciato di The Pearl. Nel dettaglio, gli uomini Under 23 affronteranno 10 giri di 15, 2 km per un totale di 166 km; 8 invece i passaggi (sempre di 15,2 km ciascuno) per gli uomini junior che taglieranno il traguardo al km 135,5; infine saranno 74, 5 i km che le donne junior dovranno percorrere distribuiti 4 giri, sempre di 15, 2 km ciascuno.

Le prove cronometro a squadre ed individuali maschile e femminile

Il percorso della cronosquadre uomini e donne. E' uguale a quello che affronteranno i cronomen élite

Il percorso della cronosquadre uomini e donne. E’ uguale a quello che affronteranno i cronomen élite

Per entrambi i sessi la prova a cronosquadre si compone di 40 km che scatteranno da Lusail City, una cittadina in costruzione a pochi chilometri da Doha che comprende 4 isole e 19 lussuosi distretti residenziali e con vari servizi tra cui il complesso sportivo (Lusail Sports Complex), nato in origine per ospitare i Mondiali di Pallamano 2015, attualmente sede dei ciruiti MotoGp, GP2 Asia, Superbike e WTCC e che ospiterà lo stadio dove si giocherà la finale mondiale di calcio nel 2022: intanto sarà esattamente da qui che partirà, come già detto, la cronosquadre per poi entrare a Doha e raggiungere il tratto finale di The Pearl, questa volta senza circuito. Il percorso della cronosquadre è uguale a quello che disputeranno i cronomen élite, sempre lungo 40 km.
Le donne élite invece gareggeranno contro il tempo solo su un circuito, ovviamente concentrato a The Pearl: 28,9 km totali da compiere in due giri del tracciato. Stesso percorso e stesse modalità per gli Uomini Junior e Under 23 (due giri per un totale di 28,9 km), mentre le donne junior dovranno percorrere un solo giro di 13,7 km, sempre ed ovviamente nell’isola artificiale di The Pearl.

Gli italiani in gara

Su SuperNews abbiamo parlato degli azzurri convocati e anche del loro ritiro (qui e qui per avere tutti i dettagli). Il ct Cassani ha ovviamente puntato su una squadra, capitanata dall’oro olimpico di Rio su pista Elia Viviani, dalle grandi doti di velocista, esperta nelle gare in pianura e con passisti di valore (Trentin, Oss, Quinziato, quest’ultimo impegnato nella prova contro il tempo considerato anche il suo titolo di campione italiano) e con il corridore che più si è fatto notare nel finale di stagione, ovvero Sonny Colbrelli. Da segnalare la selezione Under 23 del Ct Marino Amadori con la punta Jakub Mareczko (Wilier – Southeast), grande favorito, e con lui citiamo nella squadra Filippo Ganna (Team Colpac) impegnato anche nella prova a cronometro e sempre dal Team Colpac Simone Consonni e Riccardo Minali, figlio d’arte che come il padre, Nicola, ha trionfato ne La Popolarissima e si appresta a passare dal prossimo anno tra i pro nel Team Astana.

I favoriti della prova su strada uomini, categoria élite

Al di là della presenza del Campione del Mondo uscente, Peter Sagan, chi si presenterà con un dream team specialista delle volate è la Germania, favorita dai pronostici: John Degenkolb, Marcel Kittel ed André Greipel, tutti con ottime chance (se non si pesteranno le ruote a vicenda) di poter agguantare l’iride mondiale in un percorso adatto alle loro caratteristiche. Da citare inoltre, nella prova a cronometro, Tony Martin:  il panzer della Etixx-Quickstep ritroverà in Qatar la forma dei tempi migliori?
La Francia schiererà nella prova uomini èlite su strada due treni a disposizione dei capitani Arnaud Démare (vincitore a sorpresa della Milano-Sanremo di quest’anno) e l’ottimo Nacer Bouhanni, pur rischiando di ritrovarsi due corridori con due strategie di gara che potrebbero o risultare vincenti o collidere drammaticamente.
Per l’Olanda citiamo Tom Dumoulin, che vedremo anche nella cronometro, Dylan GroenewegenNiki Terpstra; il Belgio punta sul veterano Tom Boonen e il campione olimpico su strada Greg Van Avermaet; l’Australia ha dalla sua una grande squadra con pezzi da novanta come Caleb Ewan, Michael Matthews, l’inaspettato vincitore della Parigi-Roubaix 2016 Mathew Hayman e citiamo per la prova a cronometro Rohan Dennis. Ancora, gli Stati Uniti rispolverano per l’occasione la loro punta di diamante ovvero Taylor Phinney, impegnato anche nella gara contro il tempo.
Infine, citiamo due grandi velocisti, rispettivamente dalla Gran Bretagna e dalla Colombia, che daranno filo da torcere agli altri favoriti, ovvero Mark Cavendish e Fernando Gaviria.

Mondiali Ciclismo Doha 2016: Calendario e dirette

Concludiamo con un prospetto finale sulle gare e gli orari. Le gare più importanti del Mondiale di Doha 2016 (tra cui l’attesissima prova in linea degli uomini èlite) saranno visibili in diretta ed in chiaro su RaiSport (streaming su raiplay.it), altre verranno trasmesse in differita:

Domenica 9 ottobre: Cronometro a squadre donne 40.0 km (10.30 – 14.15; RaiSport offrirà una sintesi alle 13.45);  Cronometro a squadre uomini 40.0 km (14.20 – 15.40, gara trasmessa in diretta su RaiSport)

Lunedì 10 ottobre: Cronometro juniores donne 13.7 km (08.30 – 09.40; diretta RaiSport dalle ore 8.25); Cronometro Under 23 uomini 28.9 km (10.30 – 14.50; diretta Rai Sport dalle 10.25)

Martedì 11 ottobre:  Cronometro juniores uomini 28.9 km (08.00 – 11.30; diretta RaiSport dalle 8.25); Cronometro élite donne 28.9 km (12.15 – 15.30;diretta RaiSport ore 12.00)

Mercoledì 12 ottobre: Cronometro élite uomini 40 km (12.45 – 15.05; diretta integrale RaiSport)

Giovedì 13 ottobre:  Prova in linea Under 23 uomini 166 km (11.00 – 14.55; diretta integrale RaiSport)

Venerdì 14 ottobre: Prova in linea juniores donne 74.5 km (07.30 – 09.30; diretta integrale RaiSport); Prova in linea juniores uomini 135.5 km (12.15 – 15.30; diretta RaiSport dalle ore 12.30)

Sabato 15 ottobre:  Prova in linea élite donne 135.5 km (11.45 – 15.20: diretta RaiSport e Rai 3 a partire dalle ore 14.30)

Domenica 16 ottobre: Prova in linea élite uomini 257.5 km (09.30 – 15.35: diretta Rai Sport dalle ore 9.30 e Rai 3 ore 14.30).

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: