Ciclismo, Aru-Nibali: storia di una amicizia che cresce

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu

Ciclismo

Il ciclismo si è rilanciato tantissimo in questi ultimi anni e la coppia Fabio Aru – Vincenzo Nibali ha contribuito a questo rilancio. I due sono stati compagni di squadra a partire dal 2013, salvo poi in questa stagione, la decisione di Vincenzo Nibali di lasciare l’Astana per legarsi contrattualmente con il team Bahrain Merida. Sui due ciclisti le indiscrezioni dicevano che non scorreva buon sangue e il loro rapporto era basato solo su un reciproco rispetto. Nibali e Aru sono riusciti a smentire queste indiscrezioni e a dimostrare che mentre tutti aspettano il Nibali contro Aru, loro si divertono ad allenarsi insieme e a consolidare la loro amicizia.
I due campioni si sono incontrati per le strade di Lugano e hanno inscenato un siparietto molto divertente dove Aru ironizza dicendo di aver battuto lo Squalo dello Stretto sul suo terreno, la discesa mentre il messinese replica: “Macchè in discesa vinco sempre io, mentre in salita mi stacchi perché sono appena tornato dalle vacanze”.
In attesa della centesima edizione del Giro d’Italia, tra Aru e Nibali sembra esserci una bella amicizia che va a smentire le voci su una loro reciproca antipatia. I due si troveranno contro, ma sarà solo per onorare la maglia dei rispettivi team, in una delle competizioni più belle del ciclismo che regalerà a tutti gli appassionati di questo sport grandissime emozioni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Sagan annuncia il ritiro dal ciclismo su strada a fine stagione. Le dichiarazioni