Aru, ecco quando e dove comincerà la sua stagione

Pubblicato il autore: Gianpiero Farina Segui

Il corridore sardo sembra aver finalmente deciso

Fabio Aru

Per Aru il 2017 dovrà essere la stagione del riscatto.

La decisione sembra esser finalmente arrivata. Fabio Aru ha scelto quando e dove iniziare la sua nuova stagione. E c’è, si può tranquillamente dire, una piccola novità e sorpresa. Il 2017 del corridore sardo infatti non partirà, come sembrava fino a qualche giorno fa, dalla Spagna, più precisamente dalla Vuelta a la Comunitat Valenciana, ma bensì dal Tour of Oman, previsto dal 14 al 19 febbraio. Quindi la scelta ricade sul caldo della penisola arabica. Quindi è chiaro che, nel mese di gennaio, il ciclista dell’Astana non parteciperà ad alcuna competizione, ma continuerà la sua preparazione in altura. Ovviamente, il tutto è stato concordato con Beppe Martinelli, direttore sportivo della squadra kazaka, e con Maurizio Martinelli, suo preparatore atletico.

Leggi anche:  Froome al Tour? Cresce l'ottimismo, ma non sarà il leader. Le dichiarazioni

Non sono invece stati ancora resi noti tutti quei passaggi intermedi che porteranno sino a maggio, mese in cui partirà l’appuntamento clou della stagione di Fabio Aru, ossia il Giro d’Italia. È chiaro che quello che si accinge a partire dovrà essere per l’isolano l’anno del riscatto. Il 2016 è stato ricco di delusioni. Il 26enne non è riuscito a lasciare il segno al Tour de France, nonostante fino all’ultima tappa di montagna fosse in corsa per entrare tra i primi cinque. Nel finale di stagione la condizione è pian piano cresciuta e migliorata e ha dimostrato di poter dire la sua anche nelle gare di un giorno, ma il suo obiettivo erano e restano le corse a tappe. E quest’anno c’è ancora un motivo in più. Non si può dimenticare infatti che la carovana partirà dalla sua terra, ossia dalla Sardegna. Il tutto potrebbe essere una sorta di spinta e motivazione in più. Bisogna insomma provarci con grinta, voglia, fame e determinazione. La sensazione è che possa, facendo tutti gli scongiuri del caso, essere davvero la volta buona. Sarà la strada, come sempre, a confermare o a smentire. Per ora è solo il tempo di prepararsi al meglio. E anche questo è un aspetto importante e da non sottovalutare.

Leggi anche:  Froome al Tour? Cresce l'ottimismo, ma non sarà il leader. Le dichiarazioni
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: