Ritiro Wiggins, rimandato tutto dopo Tokyo 2020?

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui
Ritiro Wiggins

Wiggins esulta dopo aver conquistato a Rio il suo quinto oro olimpico su pista in carriera. (Getty Images)

Il 2016 sarebbe dovuto essere l’anno del ritiro definitivo dalle corse, ma stando alle ultime indiscrezioni Bradley Wiggins potrebbe continuare a correre fino ai prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020.
A dare la notizia è stato il selezionatore della nazionale britannica nell’inseguimento, Heiko Salzwedel.
Wiggins infatti, nonostante i suoi 36 anni e la conquista della quinta medaglia d’oro olimpica ai Giochi di Rio ad agosto, è stato inserito nel programma olimpico della Gran Bretagna per il 2017.
“Ci sarà sempre un posto per lui”, ha raccontato in un’intervista rilasciata a cyclingnews.com l’allenatore Salzwedel.
“Credo che ci sia ancora molto da fare. Non voglio che sprecare questa opportunità, quindi se lui si convince, può certamente continuare per almeno due anni. Voglio tenergli aperta la porta, aspettando che decida i suoi piani. Può continuare con l’inseguimento e l’americana, che sono i due appuntamenti chiave. 
Non voglio nemmeno precludergli la possibilità di partecipare ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, perché no? L’età non è un limite, ciò che conta sono le prestazioni. La resistenza che sviluppato con il passare degli anni gli tornerà certamente utile. E’ sempre il benvenuto”.

Ritiro Wiggins, Salzwedel: “L’età non è un limite, ciò che conta sono le prestazioni”

Sempre secondo Salzwedel, la vera sfida che attende il Baronetto sarà più sul piano mentale che fisico. L’ultimo periodo non è stato infatti facile per Sir Bradley, che si è dovuto difendere dalle accuse relative alle autorizzazioni all’uso terapeutico di farmaci vietati (TUE), con l’Agenzia Antidoping del Regno Unito che ha aperto un’inchiesta proprio sul caso.
“Attualmente non lo considero per i Mondiali del prossimo anno, ma per quelli del 2018 c’è spazio. Si sta godendo le sue ultime gare prima dell’addio. Gli darò tutto il tempo che gli serve per fermarsi un attimo a pensare sulla sua situazione e quello che vuole fare in futuro”, ha ammesso Salzwedel al termine dell’intervista.

Leggi anche:  Dumoulin, il futuro dopo le Olimpiadi di Tokyo

Nazionale Britannica, ecco i nomi dei selezionati per la prossima stagione

Di seguito si possono leggere i nomi che sono stati fatti dal selezionatore in vista della prossima stagione, sia per quanto riguarda le competizioni su strada che per quelli sul pista, oltre che alla BMX e alla mountain-bike.
Andy Harrison, direttore dei programmi della team britannico, ha così commentato la lista degli atleti selezionati: “Quest’anno abbiamo potuto vedere grandi prestazioni da parte di tutta la Nazionale di ciclismo della Grand Bretagna, per questo l’asticella per il prossimo anno rimane alta, con tutte le selezioni che avranno il compito di condurci ai prossimi Giochi Olimpici. In particolare, sono contento di vedere la robustezza e lo spessore della selezione femminile, che si è rinforzata con gli innesti di Dani King, Nikki Brammaier e dell’ex biker Alice Barnes, che danno un’immagine diversa rispetto a quella che avevamo fino a due anni fa. Sono inoltre molto felice dei progressi fatti con i sei corridori provenienti dall’Accademy, che sono saliti ad un livello superiore, mentre abbiamo già ottenuto grandi risultati su pista”.

Programma olimpico Nazionale di ciclismo della Gran Bretagna – 2016/17

Leggi anche:  Dumoulin, il futuro dopo le Olimpiadi di Tokyo

BMX
Kyle Evans, Liam Phillips, Tre Whyte

Mountain bike
Grant Ferguson

Strada, uomini
Mark Cavendish, Steve Cummings, Jon Dibben, Owain Doull, Alex Dowsett, Andrew Fenn, Chris Froome, Luke Rowe, Ian Stannard, Ben Swift, Simon Yates, Adam Yates, Peter Kennaugh, Geraint Thomas

Strada, donne

Lizzie Deignan, Alice Barnes, Hannah Barnes, Nikki Brammeier, Dani King

Gare di endurance su pista, uomini
Steve Burke, Ed Clancy, Kian Emadi, Chris Latham, Mark Stewart, Andy Tennant, Sir Bradley Wiggins, Oliver Wood

Gare di endurance su pista, donne
Katie Archibald, Elinor Barker, Emily Kay, Danni Khan, Joanna Rowsell Shand, Laura Kenny

Gare di sprint su pista, uomini
Phil Hindes, Jason Kenny, Ryan Owens, Callum Skinner

Gare di sprint su pista, donne
Becky James, Katy Marchant, Victoria Williamson, Shanaze Reade

  •   
  •  
  •  
  •