UAE Abu Dhabi, arriva la licenza e Saronni racconta: “E’ nato tutto in dieci giorni”

Pubblicato il autore: Nunzio Corrasco Segui

UAE Abu Dhabi, Saronni racconta la svolta.

UAE Abu Dhabi Saronni

UAE Abu Dhabi, Saronni racconta la svolta.


Il gruppo di Beppe Sar
onno è salvo: l’UCI infatti ha concesso la licenza per altri due anni al team di Saronni che manterrà il titolo che apparteneva all’italiana Lampre-Merida, ma avrà una nuova denominazione, vale a dire UAE Abu Dhabi.
Saranno dunque 18 le squadre iscritte al WorldTour per la stagione 2017/2018. Eccole nel dettaglio:

– Ag2r La Mondiale
– Astana Pro Team
– Bmc Racing Team
– Bora – Hansgrohe
– Cannondale Drapac Pro Cycling Team
– Team Dimension Data
– Quick – Step Floors
– Fdj
– Lotto Soudal
– Movistar Team
– Orica – Bikeexchange
— Bahrain-Merida
– Team Katusha Alpecin
– Team Lotto Nl – Jumbo
– Team Sky
– Team Sunweb
– Trek Segafredo
Uae Abu Dhabi

L’Uae Abu Dhabi quindi riesce a registrarsi in extremis e Beppe Saronni racconta tutto quel che è accaduto negli ultimi giorni in un’intervista rilasciata a “La Gazzetta dello Sport”. Ecco le due parole:

Saronni, ci racconta tutto?
“A fine agosto avevamo annunciato la collaborazione con i cinesi di TJ Sport. Purtroppo il presidente Li Zhiqiang ha avuto seri problemi di salute, lui era il perno di tutto e questo ha bloccato il progetto. Le regole dell’Uci non aspettano e non avevamo più i tempi per definire il piano. Ma il progetto resta valido, io sono sicuro che dalla Cina uscirà qualcosa di importante. La Commissione Licenze dell’Uci ci ha ascoltati il 18 novembre: da lì siamo ripartiti”.

Chi è stato il tramite con Abu Dhabi? Come ci siete arrivati?
“Grazie a Mauro Gianetti, il nostro consulente per gli sponsor. Da un paio d’anni ha un rapporto di amicizia con Matar Suhail Al Yabhouni Al Dhaheri, presidente di una società che negli Emirati lavora nel campo dell’edilizia e dell’immobiliare. Matar ha una passione vera per la bicicletta, lui e Gianetti si vedevano spesso e parlavano di progetti di ciclismo. C’era da tempo la volontà di creare una formazione pro’ ad Abu Dhabi e, quando è svanita l’opzione cinese, Gianetti ha ripreso la pista di Abu Dhabi”.

C’è stata una data precisa?
“Mauro è stato invitato ad Abu Dhabi a vedere l’ultimo GP di F.1. il 27 novembre, e ha presentato al signor Matar il nostro progetto. In dieci giorni abbiamo definito tutto. Forse la ristrettezza dei tempi ha aiutato, perché più di tanto non c’è stato modo di pensare. O si prendeva questa opportunità al volo, oppure saltava tutto. E voglio precisare che non abbiamo avuto nessuna deroga dall’Uci, siamo sempre stati nei termini dei regolamenti e abbiamo completato il dossier in tempo sia per i revisori dell’Ernst&Young, sia per la commissione licenze dell’Uci”.

Il significato della squadra?

“Si chiama Team Uae Abu Dhabi, è la squadra di una nazione. Uae vuol dire Emirati Arabi Uniti. E’ un grande orgoglio per tutti noi e ci sentiamo molto responsabilizzati: sulla maglia per la prima volta non abbiamo il nome di uno sponsor, ma di una nazione. La rappresentiamo. Siamo passati dalla squadra-famiglia della Lampre alla squadra-nazione. E anche la maglia avrà i colori della bandiera degli Emirati: bianco, verde, nero e rosso. Per me si sta aprendo un mondo nuovo. Non avrei mai pensato, a 60 anni, di trovarmi in progetti così vasti e importanti. I nostri investitori credono molto in questo passo, il loro impegno non sarà di breve durata”.

Il valore del ciclismo è la vetrina per una nazione, dunque.

“Esatto. Anche negli Emirati, lo sport di riferimento per l’élite non è il golf ma il ciclismo. Chi ha un certo livello e una certa posizione sociale, ha una bicicletta di altissima gamma. C’è una pista ciclabile di 40 km ad Abu Dhabi”.

Squadra e licenza degli Emirati, ma il nucleo è italiano.

“I partner tecnici sono tutti italiani, a cominciare dalle biciclette di Ernesto Colnago equipaggiate Campagnolo, Selle Italia, gomme Vittoria e caschi Met. Mi fa piacere che continuiamo a essere un punto di riferimento dell’italianità, visto che abbiamo alcuni dei migliori talenti, come Ganna, Consonni, Ravasi e Troia”.

Debutto al Tour Down Under in Australia, il 17 gennaio.

“E vogliamo partire subito bene. Ci saranno Ulissi, Meintjes, Swift e Rui Costa. E anche al Giro numero 100 avremo la squadra migliore”.
  •   
  •  
  •  
  •