Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa: rivincita del Team Sky. Video Highlights, Classifiche e dichiarazioni

Pubblicato il autore: Luca Santoro Segui
Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa

Geraint Thomas (Team Sky) vince la seconda tappa della Tirreno Adriatico 2017

La Tirreno Adriatico 2017 entra nel vivo, con una seconda tappa che si distingue per la lunghezza, ben 228 km che partono da Camaiore per arrivare al traguardo di Pomarance e che regala una gioia al Team Sky dopo la deludente prestazione alla cronosquadre di ieri e la caduta di Moscon: Geraint Thomas agguanta la vittoria tagliando il traguardo in solitaria di una tappa adatta a corridori di resistenza visto il finale di giornata con alcuni strappi tra cui quello che conduce al nervoso traguardo finale. Secondo Tom Dumoulin (Team Sunweb) e terzo Peter Sagan (Bora Hansgrohe) che tiene botta nonostante lo stato di forma non ottimale. La maglia azzurra passa a Greg Van Avermaet (BMC).

Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa: la cronaca della gara

Un gruppo di ciclisti lancia l’attacco sin dai primi km di corsa staccando così il gruppo della maglia azzurra indossata da Damiano Caruso. I fuggitivi sono sei e sono Davide Ballerini e Raffaello Bonusi (Androni – Sidermec), Alan Marangoni (NIPPO – Fantini), che subisce una foratura ai meno 66, Mirco Maestri (Bardiani – CSF), che si aggiudica due traguardi volanti tra cui quello di Pomarance, Charles Planet (Team Novo Nordisk) e Hugo Houle (AG2R La Mondiale).
La situazione per buona parte della corsa rimane quindi così, tutto sommato tranquilla e statica, praticamente tipica da tappe da velocisti con gli attaccanti che controllano il vantaggio. Tuttavia questa seconda tappa della Tirreno Adriatico 2017, come dicevamo, presenta un profilo altimetrico frastagliato, con tre GPM tra cui quello di Volterra quando mancano 52 km al traguardo,  aggiudicato da Davide Ballerini quando il distacco dal gruppo si aggira intorno ai 2 minuti.

Leggi anche:  Fabio Aru parla del suo malessere. E ora che cala il sipario, si alzi il rispetto

Dopo il GPM di Volterra la situazione dei fuggitivi si evolve, con il distacco di Marangoni e Ballerini (mattatori di questa prima parte di gara nei Gran Premi della Montagna) che si portano da soli al comando della corsa per poi essere ripresi: mancano 40 km e il distacco tra i battistrada e il gruppo è sempre intorno ai 2 minuti.

Quando mancano 30 km al traguardo della seconda tappa della Tirreno Adriatico 2017 e si avvicina l’ultimo GPM di Montecatini Terme il vantaggio dei fuggitivi scende sotto i 20 secondi quando ormai i sei percorrono la tappa in fuga da ben 200 km: ma il loro tentativo viene alla fine assorbito dal resto del gruppo, proprio alle pendici della salita che porta al GPM finale.

La corsa ora diventa una pagina bianca tutta da scrivere, con il Team Sky che si porta in testa del gruppo compatto (con Gianni Moscon in testa, e alla sua ruota Daniel Oss della BMC). Sarà proprio il team vincitore della cronosquadre di ieri a dettare poi il ritmo, ma c’è un’altra squadra in grande forma, la FDJ di Thibaut Pinot che si porta anch’essa in testa ai meno 22. Nelle prime posizioni anche Nairo Quintana (Movistar), Fabio Aru (Astana) e Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida).

Nell’ultima veloce discesa della seconda tappa, quando mancano 15 km alla fine, il fresco vincitore delle Strade Bianche Kwiaktowski (Team Sky) si porta in testa, ma siamo ancora nel pieno delle schermaglie tra uomini di classifica, in attesa di poter sferrare gli attacchi decisivi.

Trentin, Jungels e Gaviria (Quick Step Floors) si posizionano anch’essi nelle prime posizioni dove si trovano i corridori migliori: mancano 10 km e il gruppo è allungatissimo e con una andatura estremamente veloce.

Leggi anche:  Fabio Aru parla del suo malessere. E ora che cala il sipario, si alzi il rispetto

8 km al traguardo della seconda tappa della Tirreno Adriatico 2017 e i tre della Quick Step prendono il comando della gara dettando dei ritmi che fanno già una vittima eccellente, ovvero Peter Sagan (Bora – Hansgrohe), poco ricettivo nel tenere il passo.

Poco più di cinque km al traguardo e c’è lo scatto di Bob Jungels, con Geraint Thomas e Damiano Caruso sulla sua ruota; questa accelerazione determina una rottura del gruppo che poi viene ricucita. Ma Thomas scatta subito dopo portandosi dietro Jungels, la maglia azzurra Caruso e Jonathan Castroviejo (Movistar). E’ l’attacco decisivo: il gruppo all’inseguimento sembra preso alla sprovvista da questa zampata quando mancano solo 4 km alla conclusione; nelle retrovie si fatica a rientrare sui fuggitivi, come Pinot che paga pegno da questa accelerata degli attaccanti.

Geraint Thomas fila come un treno e si stacca dagli altri tre quando siamo in prossimità dei meno 2. 1 minuto e 41 il distacco in generale del gallese dal compagno del Team Sky Caruso, che può limitarsi a controllare gli avversari più diretti in classifica come Jungels. Risorge Sagan nel frattempo, che si riporta nel gruppo all’inseguimento.

Siamo allo strappo finale con pendenze variabili che possono a tratti superare anche il 10-12%: Geraint Thomas stringe i denti e taglia infine il traguardo di Pomarance, con alle spalle il diretto inseguitore Tom Dumoulin (Team Sunweb).

I ritiri. Da citare infine il ritiro di Roger Kluge e Caleb Ewan (Orica – Scott), corridori decisivi nelle volate, e di  Jurgen Van Den Broeck (Lotto NL Jumbo), caduto nello stesso punto in cui cadde al Giro d’Italia 1956 Fiorenzo Magni.

Leggi anche:  Fabio Aru parla del suo malessere. E ora che cala il sipario, si alzi il rispetto

Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa: gli ultimi km

https://www.youtube.com/watch?v=lS6oxbBVJsY

Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa: le classifiche

Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa : Classifica di Tappa

1 THOMAS Geraint SKY TEAM 5H51’44”
2 DUMOULIN Tom SUNWEB 9″
3 SAGAN Peter BORA HANSGROHE 9″
4 VAN AVERMAET Greg BMC RACING TEAM 9″
5 GAVAZZI Francesco ANDRONI SIDERMEC 9″
6 KWIATKOWSKI TEAM SKY 9″
7 YATES Adam ORICA-SCOTT 9″
8 DENIS Rohan BMC RACING TEAM 9″
9 QUINTANA Nairo MOVISTAR TEAM 9″
10 CLARKE Simon CANNONDALE-DRAPAC 9″

Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa : Classifica Generale

1 VAN AVERMAET Greg BMC RACING TEAM 6H15’14”
2 DENIS Rohan BMC RACING TEAM 0″
3 VAN GARDEREN Tejay BMC RACING TEAM 0″
4 CARUSO Damiano BMC RACING TEAM 0″
5 TERPSTRA Niki QUICK-STEP FLOORS 16″
6 JUNGELS Bob QUICK-STEP FLOORS 16″
7 QUINTANA Nairo MOVISTAR TEAM 21″
8 MORENO Daniel MOVISTAR TEAM 21″
9 REICHENBACH Sébastien FDJ 21″
10 CASTROVIEJO Jonathan MOVISTAR TEAM 21″

Tirreno Adriatico 2017 Seconda Tappa: le prime dichiarazioni all’arrivo

Ecco le prime dichiarazioni rilasciate ai microfoni di RaiSport:
Greg Van Avermaet: “E’ stato un finale un po’ strano, con Thomas partito in fuga in sordina e da lì non siamo riusciti a riprenderlo. Ora cerchiamo di tenere la maglia sino al Terminillo. Caruso deluso per aver perso la maglia azzurra? Non penso, l’importante che la maglia sia in casa BMC“.
Geraint Thomas: “Gran bella giornata oggi rispetto a ieri, è stata una seconda tappa dura ma ringrazio Kwiaktowski per avermi dato il supporto per poi riuscire a vincere la gara odierna”. Sul suo stato di forma in vista del Giro d’Italia, obiettivo nel mirino del gallese: “Mi sto preparando per il Giro d’Italia; non ero ancora conscio della mia condizione ma oggi a Pomarance ho avuto delle risposte positive“.

  •   
  •  
  •  
  •