Giro d’Italia, le parole di Fabio Aru e Nibali nel ricordo di Michele Scarponi. E intanto Vincenzo va a caccia del tris

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu

Giro

Ormai ci siamo. Oggi si correrà la prima tappa del Giro d’Italia edizione numero 100. Alghero-Olbia sarà la prima delle tre tappe in terra sarda. Ricordiamo che le altre due tappe sono previste domani sabato 6 maggio, Olbia-Tortolì e domenica 7 maggio Tortolì-Cagliari.
Ieri sul palco del porto di Alghero, ha avuto luogo la presentazione delle squadre che prenderanno parte alla manifestazione. La madrina dell’evento era Giorgia Palmas che ha avuto l’onore di avere sul palco anche Fabio Aru. Il ciclista sardo, purtroppo, a causa di un infortunio al ginocchio, ha dovuto rinunciare al Giro, ma non al bagno di folla dei suoi tifosi.
Sul palco, Fabio Aru ha subito voluto onorare la memoria di Michele Scarponi. “Sono sicuro che la mia squadra saprà onorare la memoria di Michele Scarponi. Ci tenevo comunque ad essere qui con voi. Sono molto emozionato per lo spettacolo che ho di fronte”. Intervistato poi dalla Gazzetta dello Sport ha dichiarato: “All’inizio è stata davvero una botta incredibile, ma ho superato la fase critica. Ci tenevo tantissimo ad essere qui in Sardegna per me e per i miei tifosi e il fatto di non poter partecipare per una caduta mi dava veramente fastidio. Ma avrei rischiato di fare dei danni grossi per il proseguo della mia carriera”.
Aru da capitano, motiverà comunque i suoi compagni di squadra dell’Astana, in modo che in otto e senza capitano, possano portare a casa un grande risultato.
Dopo la presentazione, Aru tornerà a Losanna per continuare il suo allenamento in vista molto probabilmente, della sua partecipazione al Tour de France.

Leggi anche:  Dove vedere Giro dell'Emilia 2022: streaming gratis e diretta tv Rai Sport o Eurosport?

Giro d’Italia 2017, Moser dispiaciuto per Aru
Sul Giro d’Italia e l’assenza di Fabio Aru, si è espresso anche Francesco Moser intervistato dalla Nuova Sardegna, edizione Sassari. Ecco le parole salienti su Aru e sui possibili favoriti alla vittoria finale. “Per Aru e anche per la corsa è stato sicuramente un brutto colpo. Posso solo immaginare che entusiasmo ci sarebbe stato con Aru al via. Secondo me ha le carte in regola per diventare un protagonista del ciclismo mondiale”. Moser ha detto la sua anche sui favoriti per l’edizione numero 100 del Giro: “Nibali e Quintana hanno una marcia in più, sono motivatissimi e vogliono vincere. Ma attenzione alle sorprese. Sono sicuro non mancheranno”.

Giro d’Italia 2017, Nibali è pronto al via
Oggi inizia la corsa a tappe, tanto attesa. Al via ci sarà Vincenzo Nibali che cerca il tris in questa manifestazione. Ieri alla presentazione è stato l’ultimo a salire sul palco e ha concesso qualche dichiarazione sul suo obiettivo: “Il mio obiettivo è cercare di salire sul podio.” Nibali da capitano, ha una squadra forte come punto di riferimento, ma sa che il favorito e l’avversario da battere è Nairo Quintana. Intanto, un pensiero di Vincenzo va anche a Michele Scarponi: “Stiamo elaborando un lutto impossibile di accettare. Mi capita di pensarci ancora e credere che non sia vero”, ha dichiarato Nibali ai microfoni della Gazzetta dello Sport.
Ora però il giorno è giunto, e a Vincenzo Nibali non resta che inforcare la propria bicicletta e provare a vincere già la prima tappa Alghero-Olbia, oggi  venerdì 5 maggio.

  •   
  •  
  •  
  •