Vuelta 2017, Vincenzo Nibali parla dei suoi limiti e svela a cosa punta. Ecco le sue dichiarazioni

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Vincenzo NibaliVincenzo Nibali si è reso protagonista della Vuelta di Spagna portando a casa anche una vittoria di tappa. La corsa è giunta al termine della prima settimana e domani eseguirà il primo giorno di riposo. Nibali ha analizzato come riportato dalla Gazzetta dello Sport la sua prestazione nell’ultima tappa. “Le sensazioni sono buone. Anzi, molto buone. Però i fuorigiri di Froome sono difficili da tenere. I valori sul campo sono altissimi. Anzi i più alti di sempre. Questa era una salita diversa dalle altre. Qui la pendenza è continua, molto più adatta alle mie caratteristiche L’altro giorno ho sofferto di più. Qui ho pensato a difendermi il meglio possibile. Mi è mancato solo un pizzico per essere lì. Difficile da dire. Le sensazioni sono buone”.
Lo Squalo dello Stretto ha poi aggiunto:I valori di scalata sono chiari. Puntiamo le salite con un ritmo altissimo e non si scala mai, anzi si accelera. Nell’erta finale la pendenza era continua più adatta alle mie caratteristiche per cui ho pensato a difendermi il meglio possibile”.

Vincenzo Nibali quindi è consapevole delle potenzialità dei suoi avversari, ma consapevole che mancano ancora due settimane al termine della Vuelta di Spagna e i giochi sono ancora aperti.

  •   
  •  
  •  
  •